Salta al contenuto

Vuoi farti fare un sito internet? Ecco alcuni consigli pratici per scegliere i professionisti del web

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

Disclaimer: dal 2006 faccio parte del team italiano di localizzazione e supporto per WordPress, il CMS più utilizzato al mondo e offro i miei servizi professionali tramite GoodPress.

Il primo suggerimento è banalissimo, cerca dei professionisti seri, diffida di chi fa tutto, SEO, SEM, Web Designer, Sviluppo, stampa cataloghi e pulizie.

Fai conto che un buon 30% del nostro lavoro consiste nel rifare lavori già fatti da professionisti di cui sopra, il risultato è che spendi 2 volte i tuoi soldi.

Gli altri suggerimenti, pur apparendo banali agli addetti ai lavori, non sono così banali per i clienti.

1) La registrazione, il controllo e la gestione del dominio deve essere tua, NON delegare e verifica presso il registrant che sia tutto a nome tuo

2) lo spazio web deve essere sotto il tuo controllo, devi avere gli accessi sia ftp ( o sftp o ssh ) e devi avere gli accessi ai database

3) Devi avere accesso al codice e NON accettare MAI e poi mai contratti di licenza e possibilmente utilizza codice open source. (Open source significa codice aperto che ti da il diritto di modificarlo e utilizzarlo come preferisci. Esempi di CMS open source sono Joomla, Drupal e WordPress)

4) Chiedi sempre un contratto con diritti e doveri

Questi 4 punti sono fondamentali perché sono i sistemi utilizzati da professionisti poco seri per bloccarti, per controllarti e per costringerti a lavorare solo con loro. A volte questi sistemi vengono utilizzati anche come ricatti per estorcerti quattrini in maniera fantasiosa.

Recuperare il tutto, spesso, è costoso e a volte impossibile quindi riflettici molto bene prima di legarti mani e piedi dato che il rischio non è solo quello di perdere soldi, ma è quello di perdere tutto quello che hai creato nel tempo sul web.

Il mio mantra è sempre lo stesso:

– Il Cliente deve lavorare con noi perché ha piacere a lavorare con noi, non perché è costretto a farlo causa scelte capestro –

PS: i nostri contratti NON si rinnovano in automatico, alla scadenza decadono ed è il cliente a decidere se rinnovarlo o meno.

Voi avete qualche altro suggerimento da aggiungere?

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

Sii il primo a commentare

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: