Salta al contenuto

Una proposta per il nuovo Parlamento

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

Ho letto tutte le varie polemiche sui costi del vivere a Roma, dello spostarsi etc.etc.

Vi propongo, CARI Parlamentari, una soluzione semplice che nel tempo risolverebbe il problema.

Partiamo dal presupposto che veramente deciderete di dimezzarvi, no non intendo dire che metterete la testa nella ghigliottina, intendo dire che da 630 deputati diventerete 315 e da 315 senatori diventerete 150.

Sappiamo che per le due camere si spendono tonnellate di euri di affitto e lo stesso per gli uffici.

Prendete un terreno fuori Roma e li costruite le 2 camere e perché no anche il nuovo palazzo del governo, poi costruite tante casette, tipo campus universitari americani, dove gli eletti potranno vivere senza spendere un soldo di affitto o altro, la mensa c’è già e gli eletti saranno tutti casa e lavoro.

Non ho fatto un conto ma, sono convinto che con i risparmi degli affitti in qualche anno si comincerebbe a risparmiare e si permetterebbe a tutti di poter partecipare alla vita politica.

Si potrebbe allungare la metropolitana e prevedere dei collegamenti in autobus per gli aeroporti e per la stazione.

Cosa ne dite, lo fate?

 

UPDATE: Stefano Scardovi su Facebook propone una soluzione ancora migliore:

Allora faccio una proposta più semplice ancora, prendiamo una delle migliaia di caserme dismesse e la convertiamo in mini-alloggi con ufficio personale annesso. Lo stato fornisce un minialloggio a ciascun parlamentare, se vuole trasferirsi con la famiglia paga la differenza per avere un alloggio più grande. Fornisce anche il trasporto a normali orari da alloggio a sede di servizio (camera o senato). Se vuoi stare altrove paghi tutto di tasca tua.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inAttualità, costume e società

Sii il primo a commentare

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: