Salta al contenuto

Iran, il sedicenne condannato a morte che piange sulla spalla del boia – Corriere.it

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

Il condannato e il suo boia abbracciati insieme, uniti da un decreto che li trascende. A nome di chi brandisce la spada, la Giustizia, dopo che ha posato la bilancia?

viaIran, il sedicenne condannato a morte che piange sulla spalla del boia – Corriere.it.

Sono poco politically correct ma, i paesi che hanno la pena di morte li considero incivili.

Questo è l’elenco delle esecuzioni del 2011 preso da nessuno tocchi caino:

Almeno 5.000 esecuzioni sono state effettuate in 19 Paesi e territori nel 2011.

Cina: circa 4.000
Iran: almeno 676
Arabia Saudita: almeno 82
Iraq: almeno 68
Stati Uniti: 43 
Yemen: almeno 41
Corea del Nord: almeno 30
Vietnam: almeno 17
Somalia: almeno 11
Sudan: almeno 7
Bangladesh: almeno 5
Sudan del Sud: 5
Taiwan*: 5
Autorità Nazionale Palestinese (Striscia di Gaza)*: 3
Afghanistan: 2
Bielorussia: 2
Egitto: almeno 1
Siria: almeno 1
Emirati Arabi Uniti: 1

Nel 2011 e nei primi sei mesi del 2012, non si sono registrate esecuzioni in 4 Paesi – Bahrein, Guinea Equatoriale, Libia e Malesia – che le avevano effettuate nel 2010.
Viceversa, 4 Paesi hanno ripreso le esecuzioni: Afghanistan (2) e Emirati Arabi Uniti (1) nel 2011; Botswana (1) e Giappone (3) nel 2012.

In grasseto le “democrazie liberali” (sic!)

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inAttualità, costume e società

Sii il primo a commentare

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: