Salta al contenuto

WordCamp Milano 2012, le mie riflessioni

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

logo wordpressIl WordCamp di Milano è finito da un paio di settimane e quindi, a mente fredda, vi espongo le mie riflessioni.

Comincio con le buone notizie 🙂

Finalmente, dopo 5 edizioni a Milano, siamo riusciti a far partecipare gente nuova, gente estranea alla blogosfera e i risultati si sono visti, sala sempre piena, abbiamo dovuto aggiungere sedie e spostare mobili per farci stare tutti. Niente più casino, urla e altro fuori a disturbare chi voleva partecipare. Partecipazione da parte del pubblico con domande e discussioni. Follow up molto interessante. Tutti molto contenti di aver partecipato.

Le cose brutte:

Sabato il tempo è stato inclemente e a causa del tetto in metallo della location in alcuni momenti abbiamo dovuto sospendere perché non riuscivamo a sentire gli speaker e ovviamento problema amplificato per lo streaming video. 2 speaker non si sono presentati, meno male che avevamo pronti i sostituti.

In conclusione del WordCamp ho detto che forse l’anno prossimo non lo organizzeremo più, dato che ho ricevuto molte richieste di spiegazioni penso sia corretto essere più preciso.

La WordPress foundation ha, giustamente, preso in gestione anche la gestione dei WordCamp in giro per il mondo. Hanno quindi messo delle regole chiare e precise per poter organizzare i WordCamp.

La prima regola è che è obbligatorio utilizzare il sito wordcamp.org, questa cosa ci ha creato non pochi problemi dato che è pensato per WordCamp americani, a pagamento. Noi nel corso degli anni avevamo sviluppato nostri plugin per gestire in autonomia tutto e ci siamo trovati a far fronte a richieste d’aiuto continue anche solamente per la registrazione.

La seconda regola è che dobbiamo sottostare a budget minimi, non possiamo avere un unico sponsor e dobbiamo dare spazio a tutti gli sponsor senza accedere solo agli sponsor “amici”. Il risultato è stato che non abbiamo avuto sponsor italiani, non abbiamo potuto realizzare tutto quello che volevamo fare.

Il terzo problema è che, GIUSTAMENTE, la WordPress foundation è stata molto presente anche con ordini perentori anche se erano mascherati da mail gentili non dando alcun peso alla nostra esperienza e al fatto che non siamo negli USA.

Questi sono i motivi per i quali stiamo pensando cosa fare l’anno venturo, senza alcun dubbio organizzeremo un altro evento forse non con il nome WordCamp anche se, lo faremo con il cuore a pezzi perché noi amiamo WordPress e ancor di più il WordCamp. Per far nascere e conoscere il WordCamp in Italia abbiamo messo molto del nostro sia come euri che come tempo e impegno.

Vorrei finire ringraziando tutti i partecipanti sia in loco che via streaming, gli speaker che sono stati bravissimi, automattic che continua a sviluppare quel fantastico software che è WordPress, la WordPress foundation che mantiene open source questo software e che ci ha permesso di organizzare questo WordCamp.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inWordpress

5 Comments

  1. Ciao Paolo,

    e’ stato un piacere potere passare una giornata in vostra compagnia.

    Grazie per l’occasione che mi hai dato facendomi parlare ad un evento cosi’ interessante.

    Spero si possa ripetere, in una forma o nell’altra. In fondo quello che conta e’ il contenuto, non il contenitore.

    • Assolutamente d’accordo e un grazie enorme a te per aver partecipato e vivacizzato la giornatà di venerdì!

  2. Ho partecipato al WordCamp Milano 2012, purtroppo solo nella giornata di venerdì, quello che ho potuto l’ho seguito in streaming il sabato. Interessante esperienza, utili punti di riflessione toccati. Cosa significa che i Camp americani sono a pagamento? Se l’esperienza è utile, un’occasione d’apprendimento e scambio, non potremmo anche noi pagare un ticket d’ingresso, modello auto tassazione? Grazie Ciao

    • Quasi tutti i WordCamp all’estero sono a pagamento, l’anno scorso avevamo provato a proporlo ma, quasi tutti avevano detto di no.

  3. Ciao Wolly, ma i video del wordcamp 2012 su wordpress.tv non sono poi stati più caricati, o sono io che non li trovo? Thanks!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.