Salta al contenuto

Il “New Yorker” sull’iPad: paradossi di un successo | EHI BOOK!

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

l’attenzione primaria resta dedicata ad articoli impaginati nel modo più leggibile e pulito possibile. La versione per iPad, dunque, rappresenta un’evoluzione molto minore di quella – per esempio – sul web, dove sono presenti numerose sezioni a pagamento (per esempio “The Talk of the Town”) e sulla quale compaiono con più frequenza articoli sull’attualità più stretta richiesti e scritti espressamente per la Rete.

Da quando è uscito l’iPad si è parlato di editoria online completamente nuova, con animazioni, giochi e altro e invece sembra che il successo arrivi alla vecchia maniera, buoni articoli e formato per leggere e poche innovazioni tipo le poesie recitate dagli autori.

CHissà quale sarà/anno le strade giuste.

via Il “New Yorker” sull’iPad: paradossi di un successo | EHI BOOK!.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inAttualità, costume e società

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.