Salta al contenuto

Leader at Italian WordCamp

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

Ricevo dei bellissimi screenshot di una simpatica discussione tra guri su FaceBook che riguarda me e la mia professionalità.

Il tutto nasce dal mio profilo Linkedin dove sta scritto, tra le altre cose, Leader at Italian WordCamp.

E’ stato per me veramente divertente leggere gli arguti commenti che sono fino arrivati a mettere in dubbio il fatto che io sappia cosa significhi la parola Leader.

Io faccio parte, insieme a Stefano Aglietti e Claudio Simeone, del team ufficiale di WordPress Italy, il sito http://it.wordpress.org è gestito da noi, oltre naturalmente al sito http://www.wordpress-it.it e al sito http://wordcamp.it, se avete una installazione di WordPress in italiano quella traduzione l’abbiamo fatta noi. Siamo noi ad avere i poteri di commit sulla SVN di wordpress.org e quindi quando installate o aggiornate il vostro WordPress in Italiano è farina del nostro sacco.

Nel 2008 ho organizzato, personalmente e da solo, il primo Italian WordCamp e lo stesso ho fatto nel 2009 nel 2010 ed ora nel 2011, ho organizzato anche altri 2 WordCamp alla BlogFest del 2009 e del 2010.

Organizzare un WordCamp significa:

  • Gestire il sito internet del WordCamp
  • Scrivere il codice necessario per gestire iscrizioni, speech e badge
  • Scegliere le date
  • Scegliere la location
  • Cercare gli sponsor
  • Decidere i temi delle giornate
  • Spammare tutti i social network
  • Scrivere gli aggiornamenti sui siti
  • Scegliere, invitare e gestire gli ospiti stranieri
  • Aiutare tutti quelli che partecipano
  • E last but not least (vediamo se anche qui mettono in dubbio la conoscienza del significato) pagare i conti

Probabilmente c’è qualcuno che pensa che tutte queste cose si facciano da sole, senza intervento e guida di nessuno, che tutti arrivino al WordCamp e ci sia tutto organizzato da un’entità superiore ma, nella mia esperienza non è così, c’è una persona che gestisce, coordina e decide cosa deve essere fatto.

Il WordCamp italy del 2010 ha avuto più di 500 persone presenti nelle 2 giornate e 2.000 persone hanno seguito l’evento in diretta streaming su internet, il tutto gratuitamente.

So bene che i vecchi tromboni devono esalare le ultime trombate e quindi che suonino pure, stonati, le loro trombe qui non si suona ma si fanno i fatti.

Questo a futura memoria e per la studentessa (sempre che esista) che cercando con un semplice motore di ricerca, troverà le rispsote ai suoi dubbi o meglio troverà qualcosa sulla quale pensare e decidere in autonomia sulla classificazione e sulla terminologia.

In allegato al post gli screenshot così che possiate farvi un’idea precisa sulle persone.

P.S.: 2008 e 2009 sono stati completamenti pagati dal sottoscritto, nel 2010 grazie a Telecom Italia e alla sua sponsorizzazione non ho pagato nulla di tasca mia.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inWordpress

5 Comments

  1. Bhè Paolo, è risaputo che Roberto Dadda parte con il solito incipit “una studentessa mi ha chiesto” per sfogare la sua epocale e malcelata maleducazione. Purtroppo non ha altro da fare, e si ritiene in grado di poter dare lezioni di maleducazione ed asocialità al mondo intero.. che vuoi fare, sarà l’età.
    Enjoy, e grazie ancora dell’assistenza per il blog! 🙂

  2. David David

    Non entro nei meriti della discussione ma pubblicare degli screenshot di una conversazione comunque privata con tanto di nomi e cognomi di svariate persone non mi pare una cosa “furba”.

    Credo che sia anche illegale.

    Saluti D.

  3. Samuele Samuele

    Che ridere. Io cercherò di partecipare al wordcamp 2011 e ti posso garantire che se avessi bisogno di informazioni mi rivolgerò al responsabile, organizzatore e leader dell’evento. Cioè Paolo Valenti. Lo conosci? 🙂

    • Non so chi sia 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.