Salta al contenuto

Libertà di stampa e buona informazione

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

La libertà di stampa e la buona infomazione non esiste e non può esistere.

I giornalisti per poter esercitare il proprio mestiere devono scrivere per delle testate e queste sono di proprietà di un editore. Gli editori portano avanti un loro progetto imprenditoriale e politico e quindi scelgono direttori e giornalisti che supportino la loro causa.

Uno dei pochi giornali che sono stati liberi è stato Il Giornale di Indro Montanelli fino a che il padrone, Silvio Berlusconi, ha deciso che dovesse diventare il megafono della sua esperienza politica e Indro Montanelli se ne è andato.

l’informazione si trova di fronte anche alla crisi di lettori che preferiscono informarsi direttamente e quindi per mantenere in piedi gli enormi baracconi costruiti diminuiscono in continuazione la qualità dell’informazione per cercare di accedere a nuovi bacini di utenti meno acculturati, diventando giornali strillati e decisamente monotoni.

Non bisogna neanche dimenticare l’importanza dei titolisti in questa situazione visto che molti leggono il titolo ma non il contenuto.

Lo so che vi state domandando perchè sto scrivendo queste considerazioni banali e scontate e al risposta è semplice, metto dei paletti per un eventuale discussione su questi temi che spero nasca.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inAttualità, costume e società

5 Comments

  1. con grande sintesi (non ho moltissimo tempo) ritengo che le soluzioni al problema siano due :
    1) il world wide web in cui la notizia è immediata , sincera, disponibile a tutti e di conseguenza pericolosa , fuorviante, parziale. Se non annegheremo miseramente i nostri cervelli in un ammasso di cretinate (vedi le varie fattorie di facebook for example) e consolideremo la capacità di discernere, potrebbe essere stimolante riuscire a formarsi un’idea attraverso questo mezzo.
    2) LA STORIA , lo studio approfondito di ciò che è accaduto, l’approfondimento necessario dopo la massa di spezzatini provocati dalla soluzione uno (delineata qui sopra). La storia per analizzare e comprendere e sfruttare l’esperienza. Ricordiamoci ciò che dice Randy Pausch nella sua ultima lezione: l’esperienza è ciò che ti rimane quando non hai raggiunto l’obiettivo che ti eri posto.

    vabbè sto andando lontano… Wolly quando ricominci a giocare a golf ?

    • Ricomncio a giocare a golf quando troverò il tempo per farlo 🙂

      • vedi sei troppo impegnato in cose importanti come questa discussione… cazzeggia di più 😉

  2. condividerò su twitter questo articolo.

    penso che l’informazione sia abbastanza servile, sia verso la destra che verso la sinistra, poichè non passa molto da La Padania a L’Unità, se non i colori della prima pagina.
    ed è per questo che stimo Wired Italia, una rivista davvero eccezionale.
    parlo dell’informazione e di Wired sul mio blog http://mindevice.wordpress.com/

    complimenti per l’articolo 😉

  3. […] Libertà di stampa e buona informazione La libertà di stampa e la buona infomazione non esiste e non può esistere. I giornalisti per poter esercitare il proprio mestiere devono scrivere per delle testate e queste sono di proprietà di un editore. blog: Wolly's Weblog | leggi l'articolo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: