Salta al contenuto

Star Trek di J.J. Abrams | Star Trek XI

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.
Locandina del Film
Locandina del Film

Giudizio sul film: Questo doveva essere alla fine del post ma, visto che tutto questo post è un unico mega spoiler ho pensato che fosse meglio esprimere il mio giudizio all’inizio così che chi non vuole leggere il post può comunque farsi un idea. JJ Abrams è stato molto bravo nel girare un film che non ha particolari legami con la continuity del vecchio star trek e quindi è adatto a qualsiasi pubblico sia a quello dei vecchi trekker come me, che si troveranno dei bellissimi regali da parte di JJ all’interno del film sia dai nuovi adepti che non hanno mai visto nulla di Star Trek. Abrams è riuscito, secondo me, a dare nuova linfa vitale ad un Brand storico di fantascienza aprendo la strada ad una nuova “lunga vita e prosperità” per Star Trek. Consigliatissma la visione del film.

AVVISO AI NAVIGANTI: Il post che segue sarà pieno di spoiler e cioè oltre alle mie considerazioni troverete in parte svelata la trama del film Star Trek, di J.J. Abrams quindi vi suggerisco di non andare oltre se non avete ancora visto il film o se non volete rovinarvi la sorpresa.

Cominciamo con i dati tecnici di Star Trek XI:

Titolo originale: Star Trek
Anno: 2009
Durata: 126 min
Genere: fantascienza
Regia: J.J. Abrams
Soggetto: basato su Star Trek di Gene Roddenberry
Sceneggiatura: Alex Kurtzman, Roberto Orci
Produttore: J.J. Abrams, Damon Lindelof, Stratton Leopold
Produttore esecutivo: Alex Kurtzman, Roberto Orci, Bryan Burk, Jeffrey Chernov, Edward Milstein, Bill Todman Jr., Paul Schwake

Se seguite il mio blog sapete che sono un trekker1 di quelli convinti 🙂 e data la mia età sono un fan trekker della prima ora, uno di quelli noiosi,tignosi che cercano il pelo nell’uovo, uno di quelli che s’incazzano quando la continuity non viene rispettata, uno di quelli che odia Braga e le sue Bragate2.
Amo alla follia la TOS, la serie classica degli anni ’60, quella con i fondali in cartone colorato, trovo che la TNG sia un capolavoro, DS9 non mi è piaciuta molto eccetto le ultime 3 stagioni, forse perchè non mi piace l’idea di Star Trek statico su una base spaziale, VOY non mi ha mai veramente appassionato, e Enterprise non lo considero Star Trek ma la distruzione di quel poco che rimaneva di ST ad opera di Braga&Berman e delle loro Bragate. Dei X film di Star Trek ho apprezzato particolarmente Star Trek The Movie, Star Trek l’Ira di Khan, Star Trek Rotta verso la Terra e Generazioni e Primo Contatto, gli ultimi 2 film una schifezza più unica che rara.

In tutta onestà non pensavo che Star Trek avrebbe potuto avere un futuro, ormai credevo che fosse tutto esaurito e quando ho letto che avrebbero girato un nuovo film non mi sono fatto illusioni. In questo post spiego il mio stato d’animo e il mio approccio alla prima visione di Star Trek XI.

Finalmente è arrivato il gran giorno3 , ed insieme a Steve sono andato a vedere l’ultima fatica di J.J.Abrams.

PROLOGO:

Star Trek XI comincia su una nave stellare dove il primo ufficiale è il padre di James T. Kirk, sulla nave viaggia anche la madre di Kirk che è incinta e sta per partorire. Si apre un buco nero e appare una nave sconosciuta dal futuro, il padre di Kirk viene nominato capitano mentre il capitano  sale a bordo della nave, che nel frattempo si è scoperto essere Romulana, e li viene ucciso. Il padre di Kirk da l’ordine di abbandonare la nave e per un malfunzionamento del pilota automatico è costretto a rimanere a bordo per proteggere l’equipaggio in fuga e assiste via radio al parto della moglie e alla nascita di James T. Kirk, e a quel punto si schianta contro la nave romulana avendo però salvato tutto l’equipaggio nei suoi pochi minuti di comando.

Il mio primo pensiero è stato – “Cazzo no ancora realtà alternative” – Star Trek è stato distrutto definitivamente dalla premiata ditta B&B (di cui ho parlato prima) grazie anche all’enorme uso di realtà alternative e viaggi nel tempo, poi mi ricordo che JJ è un altro amante delle realtà alternative e continuo nella visione del film in silenzio.

INIZIO:

Una delle cose che non avrei gradito sarebbe stato un film tutto dedicato all’Accademia della Flotta Stellare e JJ sapendolo ha fatto un ottimo lavoro 🙂 Poche scene dei bambocci che di fatto sono solo dedicate a cominciare a delineare il carattere di James T. Kirk e cioè il solito malandrino, sciupafemmine e guascone 🙂 insomma il Kirk che tutti abbiamo imparato ad amare 🙂 poche scene per non appesantire troppo il film, mischiate con alcune scene dell’infanzia di Spock su Vulcano dove fatica a gestire la doppia anima Umana/Vulcaniana, spesso deriso dai giovani vulcaniani fino alla sua scelta di arruolarsi nella StarFleet rinunciando al posto che si era guadagnato nell’Accademia delle Scienze Vulcaniane.

Molto simpatica la scena dove Kirk, stimolato dal Capitano Pike4, decide di arruolarsi e sulla navetta terrestre che porta all’accademia incontra il Dr.Leonard McCoy detto “Bones” che si presenta sin dall’inizio brontolone, terrorizzato dal volare e alla domanda di Kirk – Lo sai che questa navetta vola ? – Bones risponde – Si lo so ma ho appena divorziato e mia moglie si è presa tutta la terra – e qui comincia la grande amicizia tra Kirk e Bones.

Kobayashi Maru:

Si, avete letto benissimo: Kobayashi Maru.

Questa scena meriterebbe da sola un post a parte, appare nel secondo film di Star Trek, uno dei più belli in assoluto, L’Ira di Khan, dove viene chiesto a Kirk come ha fatto ad essere l’unico cadetto ad aver mai superato quel test e lui con il suo solito sorriso ironico e beffardo ha risposto che ha barato visto che non c’era alcuna possibilità di superare quel test.

Il test consiste nell’essere al comando di una nave spaziale impegnata in un operazione di soccorso mentre attaccano navi nemiche, romulane e klingon, senza la possibilità di vincere per poter verificare le reazioni dei cadetti in una situazione ad alto stress.

James T. Kirk ha già fatto due volte il test e non ha nessuna intenzione di perdere ancora. Inizia il test, Kirk appollaiato nel vero senso del termine sulla poltrona di comando sgranocchia una mela girandosi a destra e a manca mentre i membri dell’equipaggio cominciano ad informare che le navi nemiche hanno gli scudi alzati, le armi pronte, e aspettano ordini e guardano straniti a Kirk che continua con la sua mela mentre gli esaminatori da fuori non si capacitano del comportamente strano di Kirk.

Tutti gli schermi freezzano, e i membri dell’equipaggio insistono per avere ordini, si accorgono che le navi nemiche non hanno più gli scudi e allora Kirk scende dalla sua poltrona, sempre con la sua mela in mano e con tono scanzonato va dall’addetto alle armi e gli ordina di sparare i siluri, – mi raccomando uno solo per nave che non dobbiamo sprecare i siluri e poi salvate la nave in pericolo – si gira verso gli esanimatori e tutto contento se ne esce avendo superato il test della Kobayashi Maru, unico cadetto nella storia dell’accademia.

Grazie JJ per aver dato forma, ad una delle leggende più belle di tutto Star Trek esattamente come me lo sono sempre immaginato.

Mi rammarico di non essere in Cosplay e di non essere stato insieme ad un gruppo di trekker perchè qui la standing ovation e un centinaio di ole ci stavano benissimo.

L’IMBARCO:

Arriva una richiesta di soccorso da Vulcano e tutti vengono imbarcati sulle varie navi, tutti tranne Kirk che è sospeso per aver modificato il programma del Kobayashi Maru, accusato da Spock di aver barato ma, Bones con uno stratagemma lo fa imbarcare sull’Enterprise. Non ve la faccio lunga comunque Kirk capisce che è una trappola romulana e convince il capitano Spike che però non fa in tempo a salvare il pianeta Vulcano dalla distruzione causata dal capitano Nero dei romulani. I rapporti tra Kirk e Spock sono pessimi. Pike nomima comandante Spock e Primo Ufficiale Kirk. Spock e Uhura sono innamorati. Spike finisce prigioniero e Spock dopo l’ennesimo litigio con Kirk lo butta fuori dalla nave e lo spedisce su un pianeta ghiacciato.

FINALMENTE SI CAPISCE COSA SUCCEDE:

Sul pianeta ghiacciato Kirk incontra Spock vecchio, un grandissimo cameo di Leonard Nimoy storico sig. Spock, e scopre che lui e Spock sono grandissimi amici nella realtà alternativa, scopre che il padre non è morto nell’altra realtà e Spock spiega che tutto è successo a causa di una supernova che ha distrutto Romulus e Spock aveva cercato di salvare Romulus ma era arrivato troppo tardi perchè la supernova era arrivata prima a Romulus, anche se ha comunque salvato la galassia distruggendo la supernova. Il problema è che il capitano Nero dei romulani incolpa Spock di essere la causa della distruzione di Romulus e quindi ha catturato il vecchio Spock e l’ha lasciato li per vedere la distruzione di Vulcano. I due si dirigono verso un avanposto della federazione dove incontrano l’ing.Montgomery Scott detto “Scotty”. Spock vecchio spiega a Kirk che deve assolutamente prendere il comando al più presto dell’Enterprise e gli spiega come fare e nel frattempo dice a Scotty che nel futuro avrebbe scoperto l’equazione per fare un teletrasporto a velocità curvatura e praticamente senza limiti di distanza. Kirk e Scotty vengono teletrasportati sull’Enterprise che sta andando a velocità curvatura, Kirk riesce a prendere il comando dell’Enterprise (e anche qui ci stava ola e standing ovation), cambia rotta si nasconde tra gli anelli di saturno e poi insieme a Spock si fa teletrasportare sulla nave Romulana in orbita sulla terra e qui comincia la grande amicizia che legherà Kirk e Spock.

Naturalmente vinceranno e alla fine Kirk sarà premiato con una medaglia e riceverà ufficialmente dal ormai ammiraglio Pike il comando dell’Enterprise con l’equipaggio che abbiamo imparato ad amare.

JJ ha fatto un grandissimo lavoro, è riuscito a dare nuova vita ad un qualcosa che ormai era morto. Ha mantenuto i personaggi originali e li ha ulteriormente caratterizzati e lo ha fatto bene, ha insistito molto sulla dualità del personaggio Spock, umano e vulcaniano, ha regalato alcune perle ai vecchi fan senza però renderlo un film per vecchi trekker.

Spero di poter vedere al più presto un nuovo film.

P.s.: Concordo sul giudizio dato startrekblog sulla sala macchine, è l’unica cosa che proprio non mi è piaciuta.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

  1. fan di Star Trek []
  2. colui che ha distrutto star trek []
  3. per me ovviamente []
  4. il primo comandante dell’Enterprise []
Published inFilm & Telefilm

15 Comments

  1. PaoloPaolo

    Quello di Nimoy non è affatto un cameo!

    Appare in più di una scena e in alcune di questa a lungo e in modo determinante sia per le sorti della storia in questioni che …. per le sorti della cronologia trek!

    • se non è un cameo cos’è?

  2. Anche io ho visto, ieri, ST è mi è piaciuto tantissimo! 🙂
    Come te seguo la saga dai cari vecchi tempi della TOS e, anche io, temevo in un pastrocchio di dimensioni bibliche che, per fortuna, non c’è stato regalandoci un film adatto a tutti!

    Concordo con tutto quello che hai scritto (avrei potuto scriverlo io questo post!) compreso il gradimento sulle varie serie TV solo su una cosa le nostre opinioni divergono: la serie Enterprise.
    Solo a me è piaciuta? 🙂

    ps
    certo che Kirk The Original potevano infilarlo da qualche parte … 🙁

    • Enterprise proprio non mi è piaciuta sorry 🙂

  3. SoranSoran

    Sono un fan di Star Trek da anni ed anni e sono legato in particolar modo ai Vulcaniani. Non condivido, inoltre, la scarsa affezione per Enterprise che hai manifestato nel tempo.

    A differenza tua sono stato non solo deluso, ma disgustato da come Abrams ha fatto il suo lavoro. Star Trek 11 è un ottimo film di fantascienza, ma non ha nulla a che fare con Star Trek a parte i nomi dei luoghi e dei personaggi.

    ST è nata ed ha prosperato come serie adulta, con una morale di fondo solida e ben definita dal credo vulcaniano: una sorta di neoilluminismo. In ST11 non si vede una sola volta questa morale: è un film basato sulla violenza, gli effetti speciali e l’ego d’un regista che s’è vantato di non aver mai amato molto Star Trek.

    Ora che hanno messo in circolazione questo film, mi chiedo che ne sarà di ST: il canon è canon e ci vorrà molto di più dell’ottusità della Paramount e dell’Abrams di turno, ma il colpo inferto è duro. Hanno gettato nel cestino della carta straccia qualcosa come quarant’anni non solo di serie TV, ma di passioni dei fan e del loro lavoro da piccoli certosini. Personalmente l’ho vissuto come un tradimento violento ed ingiustificato.

    C’è chi, come te, dice che si trattava di svecchiare l’universo ST. Bene, d’accordo. Meglio sarebbe stato se l’avessero fatto seguendo i consigli e le proposte di gruppi d’appassionati che si riuniscono in siti od in giochi via mail e che sfornano idee su idee, spesso anche d’un certo livello.

    Chi detiene i diritti su ST ha deciso di seguire un’altra strada: quella della svendita del marchio per far successo al botteghino seguendo modelli che hanno reso questo film più simile a Guerre stellari od Armageddon piuttosto che all’undicesimo d’una serie di film che Roddenberry avrebbe potuto apprezzare.

    Lunga vita e prosperità, anche se Abrams non vuole

  4. GiovanninoGiovannino

    Io sono classe 1978.
    Quindi ho iniziato a seguire “seriamente” Star Trek con Picard Jean Luc.
    Ho amato voyager, e il suo capitano (voyager non e’ statico, forse hai bisogno di rivedere qualche puntata), Enterprise non mi ha fatto impazzire ma non e’ neanche da buttare tutto.
    La serie classica … si bella ma e’ palesemente anni 60 e per l’epoca comunque era avanti e ha messo le basi per tutto l’universo di ST, ma io sono cresciuto negli anni 80/90…..
    Quindi avendo amato Kathryn Janeway la mia visione di un capitano e’ comunque una persona avanti negli anni, e la presenza nella plancia dell’ammiraglia della flotta di soli “pischelli” mi ha un po stranito.

    Ma veniamo al film; quando ho visto Vulcano implodere ho pensato questo:

    Abrams l’ha messo nel …. a tutti gli appassionati(trekker) un po troppo fissati, ha usato i personaggi storici (di una serie anni 60) e li ha buttati in una linea temporale nuova, cosi’ da potersi liberare, dalle catene della storia già scritta e procedere per conto suo con personaggi caratterialmente “Simili” a gli originali ma più giovani, quindi pronti a molti sequel e magari anche a una serie.
    Abrams rimane il re mida di hollywood, e mi e’ bastata la semplice idea di levare di mezzo quasi tutti i vulcaniani dal suo tempo parallelo, per confermarlo un’altra volta.

    Vedermo ora i tempi delle produzioni cinematografiche e televisive, per fare soldi con tutti i pischelli, che hanno arruolato per questo film.

    • Probabilmente non hai letto molto bene il post io ho detto che DS9 è statica e vorrei vedere il contrario visto che si svolge tutta su una base spaziale 🙂

  5. Come quasi tutti i film di JJ mi ha lasciato con sentimenti discordanti.

    Rispetto alla media degli ultimi film di Star Trek è decisamente un ottimo film, e come ben dici, esattamente quello che serviva per dare nuova vita alla serie. Potrebbe riuscire dove Enterprise ha fallito (anche se a me non è dispiaciuta la prima stagione di ENT – poi ha svaccato).

    Tantissime piccole citazioni alla serie classica e una magistrale interpretazione dei personaggi di Kirk (recitazione sovrapponibile a quella della classica, un po’ svecchiata fortunatamente) e Spock (ma anche Bones “sono un dottore non un …”) Bellissime le scenografie e le navi…

    Ma sulla trama ha qualche caduta di stile: mi è sembrata parecchio una forzatura la love story.

    Inoltre mi sembra che ci sia più di qualche riferimento a Guerre Stellari: quando l’enterprise è saltata fuori dall’iperspazio in una sorta di campo di asteroidi formato dai detriti delle altre navi e sullo sfondo si stagliava la Morte Nera di Nero non ho potuto fare a meno di pensare “non è una luna”. Poi appunto i nostri eroi vanno a spegnere una sorta di raggio traente per poi fuggire. E per non farsi mancare nulla c’è persino un duello di spade.

    Quando Kirk è arrivato sul pianeta ho pensato “adesso incontrerà Yoda” e non ho poi sbagliato di molto.

    Scotty e il piccolo mostriciattolo mi hanno richiamato alla mente Solo e Chubaka (ma oramai ero prevenuto e coglievo riferimenti ovunque)

    ah e i bar dell’Iowa ricordano molto da vicino le cantine di Mos Eisley: anche come alieni.

    In generale condivido il giudizio: un buon film che può piacere sia a chi non ha mai visto nulla di Star Trek sia ai fan della serie non eccessivamente “ortodossi”

    • Concordo sui richiami a Star Wars, credo che JJ Abrams sia un “piacione” 🙂
      ciao

  6. stefanostefano

    non sono poi così esperto della materia….ma anche a me il film ha lasciato dei dubbi. soprattutto mi sembra problematica la distruzione di vulcano e la morte della madre di spock. per il resto il film secondo me non necessariamente adombrerebbe una realtà alternativa. si potrebbe operare una riconduzione alla timeline ufficiale: per quanto mi ricordi, il pianeta vulcano in TOS e nei film (non so se anche nelle serie TNG e successive) era caratterizzato da una atmosfera prevalentemente rossa e non molto vivibile, e non si sono mai viste grandi città e luoghi molto popolati. alla fine si dice poi che spock (del futuro)aveva trovato già un altro pianeta dove rifugiare i vulcaniani superstiti: e se questo fosse il pianeta vulcano (per così dire II) di TOS e successivi film e serie? tra l’altro non è che si vedano molte navi vulcaniane o tanti vulcaniani da TOS in avanti (notare come in realtà in Enterprise ci sia una significativa maggiore presenza di orecchie a punta). Secondo punto problematico: la madre umana di spock muore. Ma è veramente morta? in realtà era stata presa dal raggio del teletrasporto e poi persa. e se invece fosse rimasta intrappolata nel buffer del teletrasporto (o in una realtà parallela)? di gente che sopravvive nel teletrasporto ce n’è sempre stata molta in giro qua e là (lo stesso scotty emerge nel XXIV secolo proprio dal teletrasporto, se non sbaglio). Quello che voglio dire è che secondo me il film lascia la possibilità di ricondurre alla timeline della saga in successivi episodi (forse è una scelta che rientra nella commerciale logica della trilogia molto di moda oggi (dal signore degli anelli in poi) per garantire introiti economici, sia di fan storici che non).
    Sono cmq d’accordo che Abrams non ha rispettato per niente lo spirito di star trek, che secondo me è essenzialmente metaforico (o allegorico se si vuole), cioè trattare temi umani della realtà della vita dell’uomo contemporaneo per mezzo di una visione o di una immagine più comprensibile, perchè la realtà vera è così complessa da cogliere, che dire qualcosa di sensato su di essa corre il rischio di perdersi nella miriade di contraddizioni che la popolano. Questo è quello che mi piace di star trek e che me lo fa di gran lunga prediligere a star wars, per esempio: quando vedo star trek poi rifletto su cose che altrimenti non avrei pensato. A me sono piaciuti molto anche gli ultimi film come Insurrection e Nemesi (anche generazioni): per dire in nemesis secondo me è approfondito l’aspetto dell’individualità umana, della sua unicità, così come era stato fatto introducendo i Borg. Oppure il tema dell’eterna giovinezza (questa volta esso stesso nemesi della mortalità dell’uomo) non sono mica bazzeccole: basta andare a rivedersi quante opere letterarie ci sono nel corso della storia umana e quante leggende: ne cito una passando per indiana Jones: il santo Gral che dà l’immortalità non è stato mica introdotto da questa saga. E poi vorrei tacere (ma non riesco) il personaggio di Data, cioè la ricerca, sua e anche nostra di ciò che lo rende e ci rende uomini: Pinocchio in sostanza faceva la stessa cosa.
    Tutto questo mi è mancato nell’ultimo film, quello che è l’anima di questa storia. però voglio sperare col sottotitolo del film “il futuro ha inizio” che sia preludio per qualcosa di diverso da questo e capace di riflettere su….quello su cui ci sarà da riflettere.

  7. Leggo molti che dicono che non è Star trek. Ripensiamo alla classica dal punto di vista che può capire un non fan come Abrams. Kirk era irruente, aveva fatto a botte col suo compagno di accademia, violava le regole a suo comodo, sbaciucchiava qualsiasi forma di vita di sess femminile q se si prendeva una pausa ci pensava Bones o Scotty. Spock proprio mai tentato? Nemmeno sulla città delle nuvole? Uhura sexi anni ’60 nell0universo specchio ce la siamo scordata con le ciglia alla Paperina?
    Scotty che si ubriacò con il brandy sauriano e che faceva battute?
    spock proprio mai combattuto tra vulcan e umano?
    Ok, JJ non avendo capito molto di Star trek esplode tutte queste belle cose e le trasposrt nella tiica fantascienza anni 50′ 60, dove un vegliardo scienziato alla guida di una navicella vorrebbe salvare l’intera galassia mentre tutti stanno a guardare. In più ci mette un involucro luccicante, con una trama ingenua quanto il più ingenuo episodio dell classica, che pure aveva i suoi bassi, ma ci aggiunge effetti speciali, azione, battaglie per gli orfani di Star wars
    questo è Star trek come lo avrebbe voluto vedere un non fan, di quelli che ha sempre chiamato scemo il fan perché secondo luo Star trek era fatto di storielle fesse. Eccoli serviti.
    In queso senso è un film ruiuscitissimo , pià obiettivamente è godibile, carno divertente e fa passare due ore pensando a quanto è originale JJ con la sua regia parkinsoniana

  8. Finalmente visto! purtroppo su uno schermo indecente dato che sia all’arcadia che al warner village hanno pensato bene, dopo solo 1 settimana, di assegnare gli schermi migliori ad “Angeli e demoni” che certo di effetti speciali sarà uguale a S.T….. sisi….

    che dire, ti sei dimenticato di citare nella scena del kobayashi maru il momento in cui kirk fa finta di sparare con la mano alle navi nemiche…son letteralmente morto dal ridere in quel momento.

    Per il resto, c’è una cosa che non mi piace in questo genere di films, che a parte tutto sotto sotto s’intravede una sorta di “culo sfondato” per far si che il tutto si compia come deve andare. Mi riferisco al fatto di trovare il vecchio spock sul pianeta ghiaccio (tra l’altro se non ricordo male hanno lanciato kirk dopo un pò che stavano viaggiano a curvatura…non sarebbero dovuti essere ben più lontani?) che lo aggiorna su tutto, e di trovare poi scotty che guarda caso può fare l’unica cosa che può permettere a kirk di tornare sulla enterprise.

    Tra l’altro, che dire del teletrasporto di scotty? Di nuovo risate…

    Ad ogni modo…bello!

    • SI quando Kirk spara alle navi con la mano è fantastico 🙂

  9. marcof_cmarcof_c

    Capisco ed apprezzo l’operazione di JJA che ha dato un bel restart a tutto. Trovo però che strada facendo siano andate perse delle caratteristiche fondamentali della saga:
    – azzeramento della carica erotico/umoristica della serie originale, JJ avrebbe potuto farne un aggiornamento molto gustoso
    – d’accordo abbandonare le atmosfere sonnolente e pompose degli ultimi episodi cinematografici, ma un po’ di suspance e mistero avrebbero aiutato qua e là a variare il ritmo del racconto che procede sempre a rotta di collo
    – Chris Pine non è credibile come JTK, Zakary Quinto sottoutilizzato, in generale gli attori sono penalizzati da personaggi caratterizzati in modo superficiale.
    Spero che con il prossimo episodio ci sia un’evoluzione positiva! Ciao

    PS
    Il costumista è riuscito persino a rendere le uniformi anonime e informi anche se indossate da fior di ragazze e ragazzi!

  10. MarioMario

    Oggi l’ho visto per la prima volta in DVD, a me è piaciuto molto, a tratti da vecchio fan della saga mi
    ha commosso, “vedi la nascita di J.T.Kirk” e commosso nel ritrovare e allo stesso tempo scoprire
    chi c’era prima della missione all’esplorazione di nuovi mondi.
    Pur convinto del fatto che gli effetti speciali di oggi sono fantastici, devo dire che purtroppo
    la NGC 1701 della serie originale, è ben poca cosa rispetto alla nuova versione e naturalmente si perde un pò di gusto a riguardare i vecchi episodi.
    I viaggi temporali, sono per me utilissimi per le trame, e non vedo il motivo di denigrali.
    E vero ,è un pò Guerre stellari, ma uesto è un pregio non un difetto
    a
    è un bellissimo film
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: