Salta al contenuto

Il futuro del CentroDestra

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

Il centrodestra ha da poco vinto le elezioni (un annetto più o meno) con il suo centroavanti di sfondamento, Silvio Berlusconi.

Non è però cambiato molto da quando è nata Forza Italia, se non che il Silvio ha imparato a fare politica. Il problema, però, veramente enorme, è che non si vede all’orizzonte un ricambio, qualcuno che possa tenere unito il centrodestra e nel contempo avere il carisma e l’appeal per poter vincere le elezioni.

A differenza dei “radical chic elitari™” non ritengo cretini gli elettori quando non votano quello che voto io, anzi mi auspico che possa finalmente nascere anche Italia un bipartitismo reale e funzionante nella logica dell’alternanza, anche se, egoisticamente, preferisco che vincano sempre i miei.

Non sono assolutamente sicuro che alle prossime elezioni politiche i miei possano rivincere perché manca un Leader nuovo, più (molto più) giovane, che sappia comunicare e che soprattutto non divida così duramente gli elettori tra chi lo ama e tra chi lo vorrebbe vedere morto (non metaforicamente).

Il centrodestra è si radicato localmente (soprattutto grazie alla Lega), ma pagherà lo stesso scotto pagato dal centrosinistra alle ultime elezioni perché alla fine il grosso del partito, PDL, è e rimane romanocentrico, e per evitare stupide battute romanocentrico significa legato prevalentemente alla vita di corte che solo accidentalmente si svolge a Roma, se le istituzioni avessero sede a Trento sarebbe trentocentrico.

Non esiste un leader in pectore amato da tutti (quelli del centrodestra) e non esiste nessuno che abbia idee innovative e che venga alla luce e che venga supportato dagli apparati di partito, continuano a governare i “colonnelli”  grazie alla loro rete di amicizie intessute negli anni e non si vedono facce nuove.

Questa è una responsabilità enorme del Silvio Berlusconi che sta commettendo i classici errori dell’Imprenditore di prima generazione, errori che però compie in politica non certo nelle sue aziende dove da anni il ricambio generazionale al vertice è stato programmato e realizzato step by step per permettere la continuazione del suo gruppo.

Caro Silvio, perché non cominci a pensare seriamente al ricambio generazionale ora che ci sono ancor 4 anni davanti invece di continuare a vederti come unico salvatore della Patria?

Stai commettendo gli stessi errori del centrosinistra, i loro sono più gravi perché, pur avendo perso, non hanno ancora capito il messaggio degli elettori, e se non te ne accorgi al più presto andrà tutto a gambe all’aria con una rapidità tale che quando te ne accorgerai sarà troppo tardi.

So benissimo che non ti curi dei nuovi media e dei nuovi strumenti di comunicazione convinto come sei che la TV sarà sempre l’unico mezzo, e sbagli quando dai retta ai tuoi consiglieri che ti dicono che alla fine la blogosfera è composta da 4 gatti di sinistra esagitati e arrabbiatihanno ragione al momento, ma la rete evolve ad una velocità tale che neanche ti immagini; in un futuro non troppo lontano, anche da noi, il saper comunicare in rete sarà più importante che il saper comunicare in TV e questo è il motivo per il quale devi svecchiare i tuoi collaboratori, devi cominciare a trovare chi sa comunicare e devi trovare volti nuovi che possano trovare consenso nella tua base elettorale.

E’ un compito difficile ma non puoi essere contento di aver creato il vuoto dietro di te, di non avere un delfino vero e di non avere dei veri nomi da presentare come Leader.

Se il PDL morirà, come credo se non si cambia strada, sarà il tuo più grande insuccesso, e sarà quello che alla fine la storia commenterà parlando di te e dei tuoi governi, ha governato tanti anni ma non ha saputo dare un governo al Paese.

Siediti nella sedia in fondo dell’ultima sezione, mettiti un tappo in bocca così che tu possa  resistere alla voglia di ascoltare la tua voce e ascolta, ascolta gli altri, in silenzio, con attenzione; la tua intelligenza saprà discriminare tra le stronzate e le cose serie, e quando troverai quelle 3/4 persone giuste, intelligenti, con karisma e competenza politica prendile al volo e proteggile, insegna loro come si sopravvive in politica ai falchi e agli “amici”.

Preparali a mostrarsi al momento giusto, forti non solo delle loro idee, delle loro intuizioni e del loro karisma, ma anche consapevoli della loro forza politica pronti a scontrarsi e a vincere contro gli “amici” e poi sarà il popolo a decidere se saranno loro a governare.

Ecco se riuscirai a fare tutto questo la storia non ti ricorderà solo per le gaffe, gli insulti ricevuti o per i tuoi successi imprenditoriali e politici ma ti ricorderà per qualcosa di molto più importante, l’aver saputo accettare i tuoi limiti e per aver dato un futuro ad una delle due principali forze politiche in Italia.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

Un commento

  1. Ciao Wolly,
    condivido il tuo pensiero e infatti anche io è da diverso tempo che vado predicando la stessa cosa. Del resto comunque è un problema che a mio avviso condivide anche la sinistra, perchè se non è Prodi e Veltroni, se non è Veltroni e D’Alema, e se non è D’Alema è rutelli…gira e rigira son sempre quelli da anni anche li.

    Io mi auguro anche un’altra cosa, una cosa che s’è decisamente notata con le elezioni america e che fanno la differenza tra loro…e noi.
    In America McCain una volta che ha saputo della sconfitta ha fatto i complimenti ma soprattutto un augurio al Suo Presidente…perchè la c’è patriottismo, perchè la si pensa al bene del Paese.
    Da noi una volta che si scopre di aver perso si giura battaglia su ogni possibile emendamento…ce ne sbattiamo di quelle che possono essere le riforme da fare (da anni), si arriva a dire che l’attuale Presidente non è in grado di governare perchè non sta facendo quello che fanno gli altri Paesi…e allora io dico:

    1. ti devi ricordare che è stato appena eletto e non ha vinto…ha stra-vinto
    2. perchè non ce lo dici tu cosa stanno facendo gli altri Paesi, perchè sembra sempre che gli altri hanno sempre la ricetta pronta in mano per curare ogni male. E’ un altro difetto congenito dei nostri parlamentari criticare senza saper proporre…baaaaasta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.