Salta al contenuto

2008 – La Wolly’s analisi dell’italica blogopalla

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

DISCLAIMER: QUESTO POST E’ VOLUTAMENTE ESENTE DA LINK!!!

Il 2008 è stato un anno molto ricco nel panorama web 2.0 e naturalmente nella blogopalla italica. (+100)

Si potrebbe racchiudere in 2 parole, Social Network e MicroBlogging. (+1000)

Non è però tutto oro quello che luccica, abbiamo assistito alla morte e alla rinascità (più volte) di twitter, abbiamo assistito alla morte e alla rinascita di BlogBabel, abbiamo assistito alla nascita o al consolidamente di molti “misuratori di lunghezza”. (-127)

Grazie ai 140 caratteri di twitter si sono consolidati i tumblr, è esplosa la friendfeed mania. (+50 – 50)

Nel frattempo si sono molto ridotti i BarCamp e i loro più strani derivati (nanosocial?!). (-123)

Si è consolidata (fine a che le aziende non capiranno da sole che stanno buttando denaro) l’evento di incontro delle aziende con alcuni blogger tuttologi (fu mi tuscoss) con regalini, aperitivi, cene etc. (-5007)

Si è toccato il fondo con i badge viola e con la figura da cioccolatai rimarcata da Bernabè nell’incontro sul garda con  i blogger, – Mi aspettavo domande più cattive dai blogger – (sic n.d.b) (-10069)

La litigiosità e le offese personali continuano ad aumentare sintomo questo di un eccessivo allargamento della base a discapito di contenuti ed educazione. (-123876)

Anche SixApart ha abbracciato l’open source. (+1276)

Blog storici hanno fatto il grande passo verso WordPress. (+173)

L’autoreferenzialità ha raggiunto il suo top con il monopoli dei blogger (-1000)

La moda del momento è cercare di essere citati dal Dr.Pruno che alla fine con i suoi post fa il gioco di chi vuole essere sempre al centro dell’attenzione, la satira si fa su chi è già conosciuto e in questo modo aumenta a dismisura la sua popolarità. Non è nenache necessario abbonarsi al suo feed tanto o trovi in shared almeno 5 volte per post e su friendfeed non si parla d’altro anzi ora, come fanno per striscia la notizia, aprono discussioni su FF con quello che forse scriverà l’informatissimo Dr.Pruno.(-189)

FaceBook è la moda del momento e ho avuto la sfiga di partecipare a Milano alla mondadori informatica ad una conferenza su FB con anche un noto blogger veramente ma veramente triste. (-100)

Ho anche avuto la sfiga di vedere l’obbrobrio di libro allegato alla carta straccia del Sole24ore che parla di web2.0, tristissima e banalissima operazione di marketing, esaltata dai lecchini della blogosfera (-1000).

Il rumore è aumentato a diimisura e diventa più difficile scovare i contenuti ma, ci sono ci sono. (+150)

In conclusione la solita blogosfera, autoreferenziale, brutta, bella, piena di furbetti del quartierino, piena di bravissime persone,piena di stronzate, piena di ottimi contenuti insomma uno spaccato esatto dell’italia dei tempi nostri con pregi e difetti.

Il valore alla blogosfera è quello che ognuno di noi le da in base ai propri interessi e ai propri gusti ogni tentativo di classificarla cozza contro altri milioni di citeri diversi e tutti altrettanto validi quindi:

VIVA LA BLOGOSFERA

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

31 Comments

  1. Ma quei numeri che scala rispettano?! 😐
    Ciao,
    Emanuele

    • mi spiace che me lo abbia chiesto tu 🙂 quei numeri sono li apposta per dimostrare che in tutti i discorsi alla fine quello che interessa sono sempre e solo dei numeri e classifiche 🙂 L’unico significato vero è il + o il meno i numeri sono a caso 🙂
      Sorry sorry sorry 🙂
      ciao

  2. In conclusione la solita blogosfera, autoreferenziale, brutta, bella, piena di furbetti del quartierino, piena di bravissime persone,piena di stronzate, piena di ottimi contenuti insomma uno spaccato esatto dell’italia dei tempi nostri con pregi e difetti.

    Il valore alla blogosfera è quello che ognuno di noi le da in base ai propri interessi e ai propri gusti ogni tentativo di classificarla cozza contro altri milioni di citeri diversi e tutti altrettanto validi quindi:

    VIVA LA BLOGOSFERA

    ti quoto al 100% 🙂

  3. Certo un linkettino al mio blog potevi metterlo 🙂

    Naturalmente sono ironico, bel post… pungente!

    • no nessun link poi nascono le gelosie 🙂

  4. A parte la questione monopoli mi trovo d’accordo su tutto. Rectoverso o quella che era “La persona Depressa” ecc…. partono bene e poi si perdono diventando forse peggio di chi criticano aspramente.

    Peccato.

    Per quel che riguarda le marchette o simili sarebbe da tenere un sito aggiornato con la lista di chi scrive per chi e perché.

    Una sorta di operazione trasparenza della blogopalla, che da quando Brunetta è ministro van tanto di moda.

    Esempio:
    Napolux scrive per http://www.ilgiornale.it – Compenso: 0 euro.
    Napolux recensisce telefoni per Nokia, LG, ecc…. – Telefoni regalati: 2 – Telefoni in prestito: X
    XXX prende soldi da YYYY per consulenza ZZZZ

    Io non avrei alcun problema a farlo, altri meno, ma se si vuol partire… Beh, io ci sono. 😉

    • questa è un idea interessante dopo Natale ne parliamo.

  5. Pardon, puoi anche disattivare il link se vuoi: WP 2.7 li attiva anche senza http 🙂

    • i link non li censuro se non sono di spam, il post è link free mica anche i commenti

  6. Sul passaggio a wordpress di “blogger importanti” potevi linkarmi però…
    Condivido quasi tutto… 😉

    • poi gli altri si sentivano minori e ti venivano a prendere sottocasa 🙂

      • Beh, ma vogliamo sottolineare che il WP di Mantellini gira su hosting WINDOWS??????

        • e’ un esperto di tecnologia…

            • Fra le altre scrive di tecnologia in rete e altrove da molti anni…

              tratto sal suo about

              • Beh, anch’io potrei mettere “pornoattore” nel mio about. Ma non lo faccio 🙂

  7. Che dire! Hai pienamente ragione su tutto!

    Con la crescita dei blog, in Italia e anche fuori, sarà sempre più difficile evitare che i “furbetti del quartiere” ci mettano lo zampino: la blogopalla sarà sempre più lo specchio della società italiana: variegata, piena di contraddizioni e di speculazioni!
    Anche se ci sarà questo passaggio, sono contento nel vedere che è pieno di persone che scrivono quello che pensano, e parlano di argomenti a cui sono interessate, di persone che usano i social network per comunicare e non per seguire una stupida moda!

  8. Clap clap clap… il post che avrei voluto scrivere ma non ho scritto… 😛

    P.S. Auguri di Buon Natale

    P.P.S. Che brutti i threaded comments di WP 2.7… 😀

    • auguri anche a te 🙂
      p.s. io li adoro i commenti nidificati di wp 2.7 🙂

  9. Uno di questi giorni migro tutto su WP! Ti voglio bene Cicciobastardo, mi hai fatto divertire come sempre.

    • sarebbe ora che passi a wp 🙂 il prestigio che potresti spargere sarebbe ancora di più 🙂

  10. Che la blogsfera rappresenti uno spaccato dell’italia lo condivido. Gli ingredienti ci sono tutti, belli e brutti, ridicoli o divertenti, importanti e insignificanti. Spero che nel tempo non prenda più lo spaccato negativo che quello positivo.

    Comunque buon Natale 😉

  11. D’accordo su tutto. Ma chi è questo Dr. Pruno? Non mi è mai capitato di leggerlo.

    Ok non leggo Friend Feed, ma di blog italiani ne seguo ancora una buona cifra.

    Forse è questo il bello della blogosfera: i riferimenti (blogstar) cambiano a seconda del lato da cui la si guarda.

  12. L’ammetto: non c’ho capito niente.

    • provo a farti dei disegnini?

    • figata se togli comment-page funziona, vado a vedere se è un bug sul trac o se c’è qualcosa d’altro.
      grazie mille non me ne ero accorto.

    • Ok è un bug l’ho trovato nel TRAC.
      Ho applicato il fix che in ogni caso sarà incluso nella 2.7.1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.