Salta al contenuto

Precari e statistiche in Europa

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.
  1. Spagna 31,7%
  2. Polonia 28,2%
  3. Portogallo 22,4%
  4. Paesi Bassi 18,1%
  5. Svezia 17,5%
  6. Finlandia 15,9%
  7. Germania 14,6%
  8. Francia 14,4%
  9. Italia 13,2%
  10. Austria 8,9%
  11. Danimarca 8,7%
  12. Irlanda 7,3%
  13. Lussemburgo 6,8%
  14. Regno Unito 5,9%
  15. Estonia 2,1%
  16. Romania 1,6%

Media UE a 27 14,5%

Fonte Eurostat

Questa classifica rappresenta la percentuale di lavoratori a tempo determinato (precari) per singolo paese.

L’isola beata dei sinistri blogger, la Spagna, meta ambita da quelli che vogliono andarsene dall’Italia primeggia in questa classifica, 1 lavoratore su 3 è precario.

E’ chiaro come la disinformazione regni sovrana, soprattutto nella blogosfera, ed è triste vedere come nella maggiorparte dei casi scrivano a vanvera, accecati solamente da un insana ideologia senza minimamente conoscere quello di cui scrivono, ripetendo a memoria il compitino assegnato dal cattivo maestro di turno.

La realtà la fotografa molto bene Eurostat con i dati che pubblico, riferiti al 2007.

Quello che emerge è che in questa triste classifica vince la Spagna e i paesi del nord, spesso socialisti e spesso portati ad esempio (sbagliando).

Lo sfruttamento della forza lavoro è tipico della cultura socialcomunista dove le persone sono solamente numeri e dove non hanno alcun valore e la Spagna lo dimostra con molta chiarezza esattamente come la Svezia.

Ogni volta che ascolto qualche trasmissione italiana ho l’impressione che in Italia esistano solo lavoratori precari e nessuno a tempo indeterminato cosa che è assolutamente falsa.

I precari in Italia sono inferiori alla media europea, sono ben oltre la metà rispetto al paese dei sogni (incubi meglio) Spagna, sono inferiori a Germania e Francia e rappresentano 1,3 lavoratori ogni 10.

Quindi o voi che volete andare via dall’Italia scegliete molto bene il paese dove espatriare perchè come potete ben vedere sono pochi quelli dietro l’Italia in questa classifica, fate molta attenzione perchè rischiate di cadere dalla padella nella brace.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

2 Comments

  1. Matteo Matteo

    Ciao Wolly,
    grazie dell'informazione pubblicata. Puo' essere un buon elemento di analisi.
    In ogni caso, per poter affrontare in maniera seria la discussione, credo manchino alcuni strumenti di analisi. In primis, sarebbe piu utile linkare la fonte, non solo citarla. Per dare maggiore forza a quello che dici.
    Inoltre, come ti hanno fatto notare gia' altri, la sola graduatoria non e' informativa. Cosa si intende per precari? Quali bonus/benefit/garanzie fornisce un contratto a tempo indeterminato in italia, e quali all'estero?

    Non lo dico per pignoleria. Ma per ovvi motivi, ogni statistica non puo' essere presa di per se', ma deve essere considerata in funzione della realta sociale, economica e politica di un paese.
    L'esempio piu stupido e' proprio quello degli ammortizzatori sociali. Se esistono ammortizzatori sociali, il peso di un licenziamento (e quindi del precariato) e' molto differente dal peso in un paese che ne e' privo. Indi per cui non e' detto che essere precario in quel paese significhi (a livello di perdita di tenore di vita) lo stesso che nel secondo.

    Oppure, le clausole di contratto, sono molto diverse di paese in paese. In Uk, ad esempio, un contratto a tempo indeterminato non offre le stesse garanzie di un contratto italiano. Quindi, anche avendo un "posto fisso" in Uk, non sei affatto certo di poterlo mantenere a lungo.

    Infine un consiglio puramente personale. Lascia perdere i discorsi "storici" completamente fuoritema e fuorvianti come quelli sulla cultura "socialcomunista" o affini. Sono decontestualizzati (chi sarebbe il socialcomunista, nella classifica, che considera le persone come numeri?) e impoveriscono il post abbassandolo allo sfotto' da stadio. Ma questo e' solo il mio punto di vista, s'intende.

    Saluti

  2. CIRO COZZOLINO CIRO COZZOLINO

    scusa ma nei paesi di cui parli esiste una legge 30 che norma la miriade dei contratti da precario? esistono anche ammortizzatori sociali? esiste uno stato sociale che ti paga la malattia,la maternità? esiste un ente che ti aiuta a trovare occupazione quando si è inoccupati? sono domande che non sono infondate a mio giudizio. perchè il precariato io non lo disdegno,laddove una vita da precario non coincide con una vita da malnutrito o mantenuto da papà,alla moda dei bamboccioni di padoaschioppana memoria. quindi ti sarei grato se enunciassi anche questi dati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.