Salta al contenuto

Obama – Ed ora non lasciamolo solo

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

Come ho avuto modo di dichiarare nel dibattito preelettorale in diretta su c6.tv, secondo me tra Obama e McCain o meglio tra Democratici e Repubblicani non c’era differenza in politica estera e nonostante una mia preferenza nei confronti di Obama, soprattutto per la sua giovane età, non avrei avuto problemi di sorta neanche se avesse vinto McCain.

Obama non è ancora insediato ma, come tra l’altro ho sempre sostenuto, in politica estera non è discontinuo rispetto al passato.

L’Iran è e rimane un nemico degli USA ed uno stato canaglia che aiuta i terroristi e Obama è stato decisamente molto chiaro in proposito tanto è vero che arrivano già le prime minacce agli USA promettendo qualcosa di peggio dell 11 settembre.

In politica interna vuole diminuire le tasse al ceto medio, vuole continuare con il nucleare.

Senza alcun dubbio chiederà agli alleati europei maggior mezzi e uomini per il peace keeping.

Tutto questo deluderà senza alcun dubbio certa parte di sostenitori che non avevano mai letto i programmi di Obama però spero veramente che non riaffiori l’antiamericanismo che sempre ha distinto una parte della popolazione italica.

NON LASCIAMO SOLO OBAMA E GLI USA A FARE IL LAVORO SPORCO PER NOI !!!!!!

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

2 Comments

  1. Io credo di reputarlo molto coerente, magari sbaglierò, ma se così fosse, si dimostrerà un ottimo attore.
    Sono comunque fiducioso e le prossime settimane inizieranno a darcene di conferme …

  2. l’avevo scritto in un commento a un tuo post di qualche tempo fa. Mi pareva anche abbastanza scontato che determinate strade venissero mantenute da Obama. Non per altro, ma perchè gli Usa l’hanno sempre fatto indipendentemente da chi ci fosse al comando. L’iran, lo aveva anche detto Obama, rimaneva tra le priorità, e il dialogo sarebbe stato possibile solo se favorito da un loro passo indietro. Cosa che ad oggi sembra impossibile. Non credo scateneranno li una guerra. Solo un pazzo lo farebbe ora, ma certo andranno giù di dazi pesanti. Per le tasse però almeno, e giustamente, le aumenterà ai gorssi redditi, ci sta. Per il resto solo un cretino potrebbe pensare che dall’oggi al domani venga stravolta la politica interna ed estera americana sulle sue linee guida generali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: