Salta al contenuto

Francesca Mambro in libertà condizionale

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

A Francesca Mambro è stata concessa la libertà condizionale fino al 16 settembre 2013 data in cui la sua pena sarà definitivamente scontata.

Francesca Mambro è un assassina ed una terrorista, terrorista di estrema destra, parte importante dei N.A.R. i nuclei armati rivoluzionari di “Giusva” Fioravanti.

Francesca Mambro era una ragazzina quando ha cominciato a frequentare gli ambienti di estrema destra romani ed aveva quasi 20 anni quando ha piazzato la sua prima bomba.

Si parla di omicidi e rapine avvenute tra il ’79 e l’82’ quando fu arrestata, si parla degli anni di piombo.

Si parla di morte, di odio, di politica e di gioventù spezzate, di famiglie distrutte si parla del fallimento della politica e si parla del fallimento dello stato.

Si parla di arresti dei capi, si parla di condanne esemplari si parla di pentiti che hanno fatto poca galera e si parla delle vittime e dei familiari della vittime.

Non si parla mai del fatto che quelli erano ragazzini, che i burattinai non sono mai stati presi, che i politici complici che li hanno riempiti di stronzate si sono defilati e non hanno avuto conseguenze, che i giornalisti di allora erano complici, ricordo ancora che le BR erano “sedicenti” per molti giornalisti ed intellettuali che tutt’ora ci propinano le loro lezioni morali.

Ricordo che l’unico giornalista che sta pagando è Sofri e che tutti gli altri scrivono per repubblica, l’espresso e giornali simili senza aver mai minimamente pagato dazio.

Ricordo che Francesca Mambro mentre era in prigione ha stretto amicizia con Anna Laura Braghetti,terrorista rossa delle BR, la carceriera di Moro, e che insieme hanno pubblicato un libro che è una raccolta di lettere scambiate tra loro due, Nel Cerchio della Prigione, libro che consiglio a tutti di leggere dove si scoprono due donne impegnate politicamente che si “riscoprono” nelle loro differenze e nella loro identicità.

Capisco perfettamente e lo condivido il dispiacere e l’arrabbiatura dei familiari delle vittime perchè nulla riporterà in vita i cari persi per mano di questi “mostri” ma allo stesso modo mi fanno schifo le strumentalizzazioni politiche del PD di Bologna che non ha rispetto per i morti e per la sofferenza.

Il perdono è una delle cose più belle che si può dispensare e non vorrei mai fare a cambio con la coscienza della Mambro e sarebbe il momento di passare dal momento dell’odio, della separazione e della vendetta a quella del perdono, escludendo da questo i familiari delle vittime il cui perdono sarebbe sicuramente superiore a quello di tutti gli altri ma non lo si può chiedere a loro è una cosa pesantissima e solo chi ha perso i propri cari in modi similari può capirli.

SI legge benissimo nei miei pensieri la matrice Cattolica che mi ha formato e non me ne vergogno, il carcere non è o meglio non dovrebbe essere strumento di vendetta bensì strumento di redenzione e se la Mambro ha superato tutti quegli anni di prigione senza aver mai creato problemi, avendo creato dei rapporti con i familiari delle vittime, avendo collaborato con nessuno tocchi caino non è il caso che almeno noi la si possa perdonare?

Combatterò sempre con tutte le mie forze il terrorismo senza però mai dimenticare che i terroristi sono persone e che magari tra di loro qualcuno può veramente cambiare.

Concludo dicendo che è da veri farabutti utilizzare ragazzi e ragazzini per portare avanti i prorpi progetti criminali e politici e che è un vero schifo che i burattinai non siamo mai stai presi e neppure cercati.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

13 Comments

  1. No, no, no, e no. Io dico no a tutto il post. E’ un po’ che ti seguo. Con piacere. Sono un po’ di giorni che, alla lettura delle tue parole rimango perplessa, ma mi sono sempre detta “ok, vediamo cosa dirà nel prossimo post, vediamo dove vuole arrivare”. Ma questo no. E davvero troppo. E non posso credere che tu, proprio tu possa scrivere questo.

    Tu che contro una vignetta l’altro giorno scrivevi “Nostalgici delle BR e degli assassini rivoluzionari di sintra? merde tornate nelle fogne”.

    E ancora “continuerò a combattere contro gli amici dei terroristi, contro gli amici dei peggiori carnefici che la storia ricordi”.

    Ma quella che preferisco è decisamente questa:
    “tu con il tuo post difendi ladri e delinquenti.
    Perchè non te li porti tutti a casa tua?
    Personalmente se dovessi vedere ladri e delinquenti interverrei a favore della/e vittime che per me sono i derubati per te i ladri e i delinquenti.
    Questo vostro continuare a difendere l’illegalità sempre e comunque è ciò che ha portato il paese ad avere paura a non sentirsi protetti perchè i “migliori” continuano a difendere i criminali e non le vittime.
    Basta con la difesa ad oltranza della feccia e che le persone oneste e per bene si difendano anche da chi è complice dei delinquenti difendendoli sempre e comunque”.

    L’impegno politico non giustifica l’assassinio. E una ragazza che a vent’anni può tenere in mano un’arma, è abbastanza grande per capire che con quella in mano spezza una vita. Anzo no, scusa… non una. Ottantacinque. OTTANTACINQUE VITE INNOCENTI.

    E ben venga tutta la strumentalizzazione di questo mondo se serve a dare a questi mostri (puoi anche toglierle le virgolette perchè è quello che sono) il carcere che si meritano.

    E’ un po’ che ti seguo. Con piacere. Sono un po’ di giorni che, alla lettura delle tue parole rimango perplessa, ma mi sono sempre detta “ok, vediamo cosa dirà nel prossimo post, vediamo dove vuole arrivare”. Lo so che non ti cambia nulla. Ma io oggi dico basta. Da oggi non ti leggo più.

    Solo per rinfrescare un attimo la memoria: http://www.youtube.com/watch?v=rkof1GSku9g

  2. @Giulia per la tua sete di vendetta 26 anni di galera più altri 5 di libertà condizionale non sono sufficienti?
    Se non hai la capacità di perdonare se non riesci ad uscire dalla tua sete di sangue e dalla tua chiusa e meschina visione del mondo continua invece a leggermi ti farà bene. Nel leggerti ho il terrore al pensiero dei danni che puoi fare alle piccole vittime che ti devono avere come maestra.
    Impara ad amare, impare che non esisti solo tu e la tua retrogada visione del mondo, ricorda che si può sbagliare e ricorda che il bene non sta tutto da una parte e ricorda che la vendetta è uno dei sentimenti peggiori che possano muovere una persona.
    Le persone grette e retrograde come te mi terrorizzano.

  3. Giulia Giulia

    1- Non ti permetto di mettere in dubbio la mia professionalità. Dubito fortemente che tu abbia gli elementi necessari per “avere il terrore che io faccia dei danni a delle piccole vittime”

    2- quello che più mi fa raccapriccio tra le cose che hai scritto e che -imperterrito- continui a scrivere, è la totale mancanza di coerenza. Tu parli di perdono, tu parli di carcere come luogo di riabilitazione e ti indigni se non lo faccio anche io. Ma qualche giorno fa scrivevi (le virgolette indicano che cito testualmente) “la legge autorizza la legittima difesa, e l’unica cosa che eliminerei da quella legge è l’eccesso di legittima difesa”.

    Dimmi, per favore: tu nelle cose che hai detto lo vedi il perdono? La vedi la mancanza di vendetta? Come si fa a riabilitare un uomo che è stato ucciso per difesa?

    Qual’è la differenza tra la vita di un uomo che deve difendersi e quella di uno che invece è già morto? La vita che andrebbe, che E’ andata sprecata e non potrà essere vissuta mai più, ha forse meno valore?
    Perchè un uomo ancora vivo può uccidere per difendersi, mentre uno già morto non può sapere il suo carnefice in carcere a vita?

  4. mi terrorizzi ancora di più se non sai distinguere tra la legittima difesa nel momento in cui stai subendo un attacco criminale ed il perdono dopo 25 anni e credo di capire perchè la scuola vada così male.
    Per il resto la mia opinione sul carcere la vado ripetendo da anni anche su questo blog ed è sempre la medesima.

  5. Giulia Giulia

    Non era di matrice legale il senso delle mie domande e ovviamente, non hai nemmeno risposto. Il tuo “capisco perchè la scuola vada così male” è la ciliegina sulla torta. Vorrei davvero che vedessi le condizioni in cui lavoro. Vorrei che fossi al mio posto anche solo per una settimana. Ma questo è tutto un altro argomento e di certo non sprecherò tempo a parlarne con una persona che è in grado di fare delle generalizzazioni così grossolane e squallide.
    Pensavo fossi acuto e intelligente, invece no. Sei solo una delusione.

  6. detto da te lo prendo come un complimento.
    Continua pure a fare la vittima, nel tuo modo di pensare è chiaro che la colpa è sempre degli altri, beata te che sei così brava.

  7. “Ricordo che l’unico giornalista che sta pagando è Sofri e che tutti gli altri scrivono per repubblica, l’espresso e giornali simili senza aver mai minimamente pagato dazio.”

    Non so a chi ti riferisci, dovresti dare i nomi e i cognomi, ma io conosco personalmente un ex BR (eravamo ragazzini insieme, ben prima della sua lotta politica) che è diventato un pezzo molto grosso di una regione. PdL.

    E come lui tanti che ora sono giornalisti in giornali di destra. Un giornalista l’altro giorno mi ha chiesto gentilmente una info. Gliel’ho data. Mi pareva di conoscere il suo nome.

    Ho controllato, era un notissimo terrorista di estrema destra, ha scontato non so quanti anni di carcere, ora lavora come giornalista dipendente in un noto giornale di destra moderata.
    Gli ho anche chiesto se fosse lui, mi ha detto di sì e che sono anni passati.

    Voglio dire, oltre tutto, che non solo molti ex terroristi di destra sono in readazioni di giornali (di destra, ma anche di centro), ma che è anche possibile che uno cambi idee o le moderi molto, dopo un paio di decine di anni di carcere.

  8. @boh se clikki sul link giornalisti ed intellettuali leggi i nomi che mi hai chiesto che essendo molti ho preferito evitare di copiare.
    ciao

  9. Mark Mark

    Ma come ca…o si fa a perdonare una persona che ha assassinato più di 90 persone, chi parla di perdono per un pluriomicida è solo che un povero idiota, senza offesa… A queste persone che deliberatamente uccido pensando di “cambiare il mondo”, ci vorrebbe solo una cosa: lavori forzati a vita!! Non parlo di pena di morte, perchè cadremmo nella loro stessa ideologia pazza, ma una volta entrati nel carcere non devono più uscire…
    E con questo auguro a tutte le persone oneste un felice e prospero anno nuovo.

    Markl

    • Qui l’unico idiota sei tu che ti permetit di dare dell’idiota a chi la pensa diversamente da te.
      Oltre ad essere idiota sei senza alcun dubbio una persona molto triste.
      addio

  10. doria doria

    Perchè quasi tutti gli “indignati” danno per scontato che Francesca Mambro sia veramente colpevole della strage di Bologna? Ha ammesso e pagato per le sue colpe e noi siamo lontani anni luce dagli anni di piombo per capire (dico CAPIRE e non condividere) certe scelte. La sentenza su Bologna fa acqua da tutte le parti e sarebbe utile leggere alcuni libri come ” I terroristi della porta accanto” “Destra estrema e criminale” “Cuori neri” “Storia nera” ( i cui autori sono per lo più di sinistra) per cominciare a pensare che troppo odio e troppi preconcetti non ci portano da nessuna parte… tanto meno alla verità!

  11. Carmelo Carmelo

    Questo tipo di persone fanno schifo, anzi non sono persone ma animali.
    le persone pensano prima di fare le cose, loro agiscono d’istinto come fanno gli animali
    selvaggi, con piu’ brutalità uccidendo.. che razza di gente.. voto per la pena di morte per tutti e due

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.