Salta al contenuto

Alitalia chi vince e chi perde

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

Allo stato attuale della situazione Alitalia esiste un solo perdente:

Il contribuente Italiano

  • Il contribuente perde su tutti i fronti:
  • pagherà di tasca propria tutti i privilegi concessi agli AlitaGliani in tutti questi anni
  • Il contribuente Impresa avrà difficoltà a volare per portare avanti la propria azienda e quindi gli affari ne risentiranno ed anche l’occupazione
  • Il contribuente si troverà meno oppurtunità di lavoro perchè le multinazionali continueranno a non investire in Italia stante questa situazione

I vincitori:

  • I sindacati di categoria che grazie agli ammortizzatori sociali possono garantire ai loro associati  l’80% di stipendio per un pò di tempo senza lavorare lasciando il tempo di venire assunti, a condizioni decisamenti peggiori,  da chi occuperà lo spazio lasciato da alitalia
  • PDL e PD perchè con questa mossa i sindacati ci penseranno su 10 volte prima di arrivare di nuovo ad una situazione simile in future contrattazioni.
  • I vettori stranieri che con un tozzo di pane reciteranno la parte dei salvatori della patria.
  • Il nord che entrando in una logica di mercato il trasporto aereo vedrà privilegiati gli scali del nord a discapito di fiumicino.
  • I sindacati nazionali  che si sono dimostrati responsabili CISL & UIL che avranno la preferenza in ogni trattativa
  • Confindustria che potrà anche firmare solo con 2 delle 3 sigle senza passare per chi vuole distruggere l’unità sindacale dato che la CGIL ha chiaramente dimostrato di fregarsene dei lavoratori e di interessarsi solo della politica.

Chi non vince e non perde

In questo limbo rientrano gli imprenditori della CAI.

Il gruppo non era politicamente schierato a destra, era composto da imprenditori di tutti i colori però con la scelta di non firmare comunque solo con CISL,UIL e UGL ha fatto uno sgarbo enorme al Berlusca (a Milano lo chamiamo così, non cavaliere non silvio, non presidente o altro) e il Berlusca non è tipo da dimenticare e molti di loro hanno concessioni statali.

Inoltre Colaninno, dalemiano doc, ora si trova nella bruttissima posizione del tradito in casa perchè Epifani per fare un favore a Veltroni ha ucciso il “socio” Colaninno che ora si trova spiazzato con una copertura politica molto ridotta, il cavaliere azzurro del PD è ora il portabandiera solo di dalema e bisognerà vedere dalla ovvia “notte dei lunghi coltelli” che si registrerà a brevissimo nei corridoi del PD chi uscirà vincitore.

Colaninno jr., veltroniano doc trema anche lui perchè qualcuno in famiglia rischia di brutto.

Ricordati di firmare per far fallire Alitalia.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

4 Comments

  1. Dimentichi tra chi ci perde il berlusca che dopo avere annunciato a borse aperte (in una paese serio sarebbe stato incriminato per questo) che se fosse diventato premier avrebbe osteggiato la calata di Airfrance e che aveva una cordata adesso vede la cordata sciogliersi al sole come molti di noi avevano previsto.

    Ci perde in immagine, prova a leggere cosa scrivono i giornali stranieri e certamente non di sinistra sull’argomento!

    bob

    PS Hai dimenticato di fare un bel post per annunciare che, anche qui come molti di noi lo avevano previsto, la commissione consuntiva del parlamento europeo ha detto chiaro chiaro a maroni che il decreto sulla sicurezza è legalmente inammissibile in quanto in contrasto con le leggi europee: o cambiamo le leggi europee o il decreto. Questo è un parere legale professionale, non politico come quello del parlamento…

    ;-)))

  2. Se Alitalia fallisce noi paghiamo di più, se la cai dovese tornare a farsi viva, ma io dubito, ci sarebbe il problema mica da niente di certi contratti. La cgil ha già perso, così come le altre sigle sindacali. Credo che ora l’unica cosa sia quella di correre ai ripari. Anche anpac e Up, le due sigle in disputa hanno deciso di unirsi, di mettere addirittura il tfr come capitale di investimento, ma ora è tardi, hanno litigato fino a ieri e chi sa quali altre porcherie. In tutto ciò come dice Roberto Dadda chi ci fa la figura più becera è il governo che ha gridato alle fanfare prima ancora di avere certezze, impari la prossima volta. Detto ciò qualcuno mi spiega perchè non si parla mai, e intendo a livello media giornali tv e chi di dovere, di chi proprio non ci prenderà un cappero, se non una clava in C.? Parlo degli esuberi effettivi, quelli che sia che vada bene o male resteranno comunque a secco, peggio dei velivoli alitalia…

  3. @paz83 il commento di Bob ed anche il tuo sul Berlusca è di stampo politico e non ha nulla a che vedere con la realtà, i sondaggi, tutti, stanno li a dimostrare che senza le fette di salame sugli occhi che derivano da ideologie politiche chi ci perde veramente sono le corporazioni sindacali e il modo di relazioni idustriali anni70.
    ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: