Salta al contenuto

(IN)Giustizia

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

I vecchi pretori del lavoro erano famosi per applicare la legge a modo loro e cioè, a prescindere, le aziende avevano sempre e comunque torto, poi per fortuna, un pò di rispetto per la legalità sembrava garantire un minimo di equità, fino ad oggi.

Vi ricordate quelle simpatiche personcine protagoniste di quel film cult girato nel reparto smistamento bagagli dell’aeroporto di Malpensa e negli spogliatoi?

Quel film dove i protagonisti aprivano i vostri bagagli, li guardavano per bene e poi li alleggerivano di tutti quegli oggetti di valore che vi avrebbero reso troppo faticoso il trasporto dei vostri bagagli, insomma i vostri benefattori.

Bene quei cattivoni della SEA li avevano licenziati non capendo l’utilità sociale di questi gentiluomini.

Uno di loro, per fortuna, ha fatto ricorso e un illuminato giudice del lavoro ha riconosciuto l’alto valore sociale di questo altruista e l’ha reintegrato nel posto di lavoro.

Le motivazioni sono naturalmente in linea con il film e cioè non essendoci un elenco degli oggetti tolti dalle valigie e l’elenco dei fortunati che hanno trovato il bagaglio più leggero questo ottimo giudice, dopo aver visto il protagonista aprire le valigie e togliere dalle stesse degli oggetti, ha ritenuto che il poverino non fosse stato licenziato per giusta causa e quindi ha obbligato SEA a reintegrarlo nel posto di lavoro.

Ora potete dire tutto quello che volete ma quel giudice DEVE essere fermato.

[la notizia]

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

3 Comments

  1. eh, ma se cacciano il giudice poi dopo li obbligano a reintegrarlo… è un cane che si morde la coda
    :sick:

  2. non ci avevo pensato:-)
    siamo proprio messi male 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: