Salta al contenuto

Yahoo -> Microsoft Steven A. Ballmer s’incazza

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

Leggo sul new york times che Steven A. Ballmer ha dato tre settimane a Yahoo per trovare un accordo, in difetto Microsoft farà un offerta diretta agli azionisti che sarà ovviamente meno conveniente e naturalmente cercherà di cambiare il consiglio di amministrazione.

Steven aggiunge oltre alle solite considerazione sul prezzo proposta da Microsoft che dal 31 gennaio le azioni di Yahoo hanno perso valore e che il business sembra diventare più debole.

Mr. Ballmer aggiunge che senza alcun dubbio la maggioranza degli azionisti condivide la convenienza dell’offerta di microsoft anche dopo le previsioni di miglioramento del business di Yahoo ed è anche consapevole del fatto che Yahoo stia tentando accordi con altre aziende come google, AOL e News Corporation ma, sostiene che l’unica offerta seria e valida sia quella di Microsoft.

Che dire è un ultimatum a tutti gli effetti e dimostra quanto Microsoft voglia fortemente Yahoo, personalmente ho già scritto in proposito e rimango dell’idea che questa fusione sarebbe opportuna.

UPDATE : via TC la lettera completa

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inTecnologia

4 Comments

  1. oppurtuan per chi? per le aziende, per i lavoratori, per le azioni, per la qualità dei prodotti, per gli utenti/clienti?

  2. @Boh al momento attuale esiste un solo soggetto per tutto ciò che riguarda internet e questo è google.
    Il mercato della pubblicità su internet è in mano a google e dai trend di crescita non è lontano il momento in cui la pubblicità su internet supererà la pubblicità tradizionale.
    Il fatto che il monopolista off-line arranchi online la dice tutta e per questo motivo ritengo che dare forza a Yahoo, tramite microsoft sia un operazione giusta e valida sia per i lavoratori, sia per il mercato sia per gli utenti.
    Non ti nascondo che in un mercato così grande come la pubblicità online due soli competitors sono pochi ma meglio 2 che uno.

  3. in effetti 2 basta che si mettano d’accordo, come fanno le aziende elettriche ecc. da noi, e il gioco è fatto.

    A parte che lì le leggi antritrust funzionano e c’è una vera concorrenza(y)

  4. @boh conto infatti sull anti trust americano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: