Salta al contenuto

Cibo Biologico

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

Questo è il cassico post che scrivo e so già che non fregherà a nessuno, ce ne sono tanti su questo blog ma, mica si può sempre scrivere per ottenere accessi 🙂

Sembra comunque che i post che parlano del proprio benessere interessino poco.

Il cibo biologico costa molto di più del cibo tradizionale tanto è vero che la scelta è sempre molto limitata e se l’Esselunga (che è la catena di gross market che più investe in questo campo) ha veramente poche referenze è ovvio che al consumatore questo articolo non interessa.

Neanch’io, con l’attuale legislazione, nutro grande fiducia nel biologico, ho troppa paura di essere preso in giro e non sono così certo della genuinità di molti di questi prodotti.

La soluzione per essere certi che il cibo sia veramente biologico ci sarebbe ma non credo che nessun governo troverà mai il coraggio di metterla in pratica.

Basterebbe una legge che di fatto trasformi tutto il territorio della Repubblica Italiana in Biologico vietando la produzione, importazione e vendita di tutti i prodotti chimici attualmente utilizzati e punendo con gravi ammende chi non dovesse rispettare il divieto.

Obbligo di etichettatura “biologico” solo a quei prodotti che sono fatti al 100% con ingredienti prodotti in Italia e non permettere Mix tra prodotti agroalimentari importati e quelli coltivati e prodotti in Italia mantenendo la dicitura “biologico”

Al super ci troveremmo i prodotti italiani senza alcun dubbio sani e poco più costosi (forse) e prodotti stranieri non biologici e allora la scelta starà solo a noi.

Io so già cosa sceglierò e voi ?

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

4 Comments

  1. A me intanto piacerebbe che iniziassero a chiamare le cose col loro nome e parlassero per lo meno di alimenti “da agricoltura biolgica” perchè voglio sperare che quello che mangio tutti i giorni sia già di suo in qualche maniera biologico… oppure mi sono perso qualche anno di vita e stiamo già mangiando pomodori sintetici?

  2. i pomodori sembrano proprio essere il giusto esempio, ho visto tempo fa un servizio su lA/ dove mostravano l’inquinamento dei campi dove venivano coltivati, inoltre a furia di selezioni varie ora i pomodori hanno la buccia più spessa di un carro armato (per evitare rotture durante il trasporto) 🙂

    Poi bisogna anche pensare che gli animali da carne vengono allevati anche con mangini derivati dal granturco quasi completamente importato (italia primo importatore al mondo) che è notoriamente OGM.

    E si può andare oltre 🙂

    ciao

  3. Amico mio credo che tu stia sbagliando per un paio di ragioni.

    Il fatto che una cosa sia salutare solo perché naturale è la bufala del secolo: la natura non è per nulla buona ed i migliori veleni sono naturalissimi come per esempio i curare o il prezemolo che co0ntiene apiolo, un micidiale anticoagulante.

    Ne scrissi qualche anno fa http://www.robertodadda.com/naturale%20salutare.htm .

    Ciò detto se a te va di comperare prodotti cosi detti biologici, un termine del tutto assurdo, comperali pure, io preferisco quelli che vengono da un intelligente e oculato uso delle tecnologie agronomiche.

    Sappi comunque che stai mangiando comunque e sempre ogm perché è così che la natura evolve.

    bob

  4. Caro Roberto, so benissimo cosa mangio 🙂 proprio ieri ho avuto 6 ore di ispezione da parte dell’ASL per controllare il mio sistema di rintracciabilità (ovviamente ho ricevuto i complimenti per come l’ho implementato 🙂 ) e parlando del più e del meno è emerso il problema dell’inquinamento del cibo che nulla ha a che vedere con gli OGM bensì con quello di cui parlo in questo post e cioè diserbanti,pesticidi, antibiotici (per le carni) e molto altro.
    Il senso del mio post era questo e non certo contro gli OGM che, per ora, preferisco evitare quando ne sono informato (quasi mai) fino a che la ricerca e la sperimentazione su altre cavie umane mi dica con ragionevole certezza che io non corro rischi 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: