Salta al contenuto

Il futuro dei libri

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

iliad

Oggi mentre ero in libreria ho visto un piccolo stand dove presentevavano Iliad e CyBook (credo fosse di Simplicissimus).

Ho avuto la possibilità di averli tra le mani per un pò e devo dire che la sensazione è fantastica, si legge benissimo, gli occhi non si stancano ed è veramente bello poter avere centinia di libri da leggere nello spazio di un agenda o poco meno.

I prezzi sono molto differenti anche perchè hanno caratteristiche software differenti, quello che è veramente ottima è la qualità di lettura da entrambi i geekcosi™.

Purtroppo i testi a disposizione (legalmente) non sono certo tra i più nuovi ed è un vero peccato.

Credo che questo tipo di utilissimi aggegini non potranno avere successo fino a che la lobby degli editori e dei librai non decidano di rilasciare i libri anche in formato elettronico come è successo per la musica con Itunes Store.cybook

Non sono assoltamente ottimista come Luca e penso che tarderanno parecchio ad affermarsi, relegando la loro posizione in un mercato di nicchia come quello tecnico o magari universitario.

Già sarebbe un bel risparmio se un qualsiasi governo rendesse obbligatorio l’uso di questi geekcosi™ nelle scuole permettendo di far risparmiari un sacco di soldini alle famiglie per i libri di testo ed inoltre pensate a quali benifici ecologici ci sarebbero, quanti alberi in meno abbattutti, quanti solventi chimici da smaltire in meno.

Certo i libri sono belli da vedere nelle librerie ma sono sempre stato convinto che siano da leggere e non da tenere come soprammobili.

E voi miei due lettori cosa ne pensate ?

UPDATE ne parla anche lei (eravamo insieme 🙂 )

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inTecnologiaWordpress

11 Comments

  1. Ho visto ora il prezzo dei due geekcosi™: pazzesco! A prezzi più “popolari” potrebbero essere una vera rivoluzione!

  2. @Turbo non ho parlato di prezzi proprio perchè secondo me sono ancora dei “prototipi”.
    Luca nell’articolo che ho citato parla di proiezione di vendite per il 2008 di 10.000 pezzi, decisamente pochini per avere dei buoni prezzi.
    Mi immagino il ministero italiano che ordina qualche centinaio di migliaia di questi geekcosi™ e (se nessuno ci fa su la cresta 🙂 ) penso a dei prezzi bassissimi e penso a dei prezzi altrettanto bassi per i libri e microzaini per i bambini che vanno a scuola, ma sono un sognatore 🙂

  3. Mi spiace, ma pur campando di tecnologia (anche se del mio lavoro non parlo e non parlerò mai sul blog), sono convinto che non sia un problema di lobby di librai, ma un problema di praticità. Te lo dico anche per quanto riguarda i copioni teatrali che spesso ho per le mani, farebbe, in quel caso, una bruttissima fine. Rinunciare ai libri per un palmare travestito non fa per me. Poi possiamo aggiungere il fatto che in Italia si legge poco e dover “leggere” con un’interfaccia aggiuntiva metterebbe in crisi i più. Lo considero e lo considererò un giocattolino (gadget) per chi non può fare a meno della tecnologia (ma non potrà leggere a lume di candela perchè è rimasto senza batterie). Ultima piccola cosa. Il problema della pubblicazione dei libri recenti, ha un solo nome: SIAE. :d

  4. Mah… Io penso che, chi legge i libri veramente, non abbia bisogno di un aggeggio simil-ipod.
    Vuoi mettere il godimento delle pagine stropicciate, degli appunti a matita, del segnalibro che cade puntualmente…
    Certo promuoverli per le scuole al posto delle cartelle stracolme e pesantissime sarebbe un vero passo avanti.. ma si sà siamo in Italia dove da un anno all’altro cambiano le regole su come deve andare la scuola figuriamoci una rivoluzione come questa!
    Sai che figata, dopo 2 ore che esce l’elenco dei libri a scuola, trovare tutta la collection scaricabile da emule?
    Già vedo la cartella dei miei figli: 1 Ebook per Matematica, Storia, Italiano, 1 Ipod Touch per musica, geografia, informatica, 1 Nintendo DS per l’intervallo, 1 Telefonino per i video da mettere su youtube, la merenda (una mela?), ovviamente non dimentichiamoci i caricabatteria..

  5. Simplicissimus, non Simplicissimum:-)!!
    Comunque eravamo noi in Feltrinelli a Piazza Piemonte e Corso Buenos Aires a Milano!
    Ciao!
    Luigi

  6. @Xab che piacere rileggerti 🙂 Per quanto riguarda i copioni teatrali mi fido di te perchè non ho alcuna esperienza 🙂 per quanto riguarda la lettura tradizionale non li considero dei palmari ma una verà svolta tecnologica utilissima per la lettura, per l’ambiente e per le palanche 🙂

    @Nicolento Chi legge legge 🙂 anch’io amo moltissimo “l’oggetto libro” ne ho letti una marea e sono tutti nelle mie librerie e in cantina (non so più dove metterli 🙂 ) ma, sono convinto che se riusciamo a liberarci dal feticismo ne guadagneremo in ambiente, e palanche. Per i libri di scuola invece direi che sarebbe veramente la soluzione, basta un lettore come questi due (no ipod touch et similia che affaticano inutilmente gli occhi) e di colpo non avremmo più la rottura di maroni annuale da parte dei genitori che si lamentano per il peso degli zaini e per il caro libro, qui si sarebbe una vera rivoluzione.

    @Luigi corretto 🙂 io li ho visti in piazza piemonte, bella iniziativa e persone e simpatiche preparate al desk 🙂

  7. I nuovi lettori di ebook basati su inchiostro elettronico sarebbero dei simil-PDA? Dei succedanei dell’iPod? Ma perché prima di parlare non li andate a vedere? La visualizzazione è rivoluzionaria, lo schermo è spento, si accende un attimo quando si cambia pagina, e si spegne di nuovo, lasciando la pagina stampata da leggere nero su bianco, proprio come la carta. Niente retroilluminazione, niente riflessi o angolazioni di lettura, niente radiazioni agli occhi: più luce c’è e meglio è, proprio come la carta. E poiché mentre leggi lo schermo è spento, la batteria dura tantissimo: 7-8 mila cambi pagina! Cioè, 7-8 mila pagine da leggere prima di dover ricaricare la batteria…

    Disclosure: io sono quello che li vende, quegli aggeggi, lo confesso 🙂

  8. @Antonio concordo pienamente, andate a vederli appena potete saranno una sorpresa incredibile (come lo sono stati per me) sono spettacolari (anche se Antonio esagera un pò con le pagine 🙂 in giro si dice 3/4000 e per l’ILIAD se si usano altre funzioni anche meno però sono sempre una quantità industriale di pagine 🙂 )

    Speriamo che comincino a prenderli le scuole e le unversità poi magari anche noi comuni mortali 🙂

  9. MacZap MacZap

    Ho avuto occasione di provare per due giorni un iLiad (grazie Edo!) e devo dire che supera le mie aspettative. L’età e la vista non mi concedono più di leggere agevolmente i libri sul Palm, ma su quest’oggetto è veramente fantastico!
    Per darvi un’idea della qualità del display, l’ho mostrato ad una persona già acceso. Costui cercava di aprirlo, per togliere quello che pensava fosse un foglio di carta dimostrativo inserito in mezzo al display, un po’ come le plastichine adesive messe sui display lcd con immagini fittizie…
    In effetti assomiglia molto ad una cornice (col vetro fumé) con dietro una pagina stampata…

    In due giorni sono riuscito a leggere ben tre libri, il display è leggibilissimo sia alla flebile luce di un lampione, sia in pieno sole. La batteria supera ampiamente quanto dichiarato: Dalle 6:45 alle 22:15, sempre acceso, usando abbastanza frequentemente la penna! Ricordiamoci che con la penna nel proprio alloggiamento, il wifi disattivato e senza toccare i tasti, il dispositivo è praticamente spento.
    Sono sempre stato un sostenitore del libro elettronico, e a mio giudizio questo è lo strumento ideale per leggerli. Sarebbe interessante anche una versione in A4, per documenti tecnici e testi in grande formato.

    Unico neo a mio parere: i softkeys visualizzati perennemente a fondo pagina. Spero che qualcuno possa trovare un hack per disattivarli a piacimento.
    Anche il peso è adeguato: inferiore ad un libro di pari formato, e più comodo da tenere e da cambiar pagina. Ho messo a punto una “tecnica” per girare pagina: tenere l’ebook con la mano destra, palmo dietro lo strumento a sostenerlo, punta delle dita piegate sopra il bordo di sinistra e tenute leggere sopra la barra di cambio pagina. Un minimo movimento con la punta delle dita e voilà! pagina girata! L’apoteosi del pigro!

    MZ

  10. @MacZap la tua recensione è veramente molto bella 🙂 soprattutto il tip per girare la pagina da pigro 🙂
    grazie mille del contributo

  11. @MacZap: tra le applicazioni sviluppate dalla community per iLiad c’è un lettore avanzato di PDF che fa, tra l’altro, quello che dici tu: elimina a piacimento la visualizzazione delle softkeys.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: