Salta al contenuto

Google, skype, microsoft & C.

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

In questi giorni ne sono successe di tutti i colori.

Da robingood escluso da google, google stessa che va down per un minuto (panico totale), skype che muore per due giorni a causa del riavvio contemporaneo di milioni di pc appena aggiornati da microsoft update.

Ho letto tantissimo sul fatto che google ormai sa tutto di noi, ci gestisce le ricerche, ci gestisce i feed, i video, ha le applicazioni online, ci fa guadagnare con gli adsense ci distrugge in un nano secondo (vedi sempre robin good).

E noi come siamo tutelati ?

In nessun modo , non esiste legge o altro che ci possa tutelare.

Come possiamo difenderci ?

Bella domanda , cominciando ad usare servizi di altri provider , diminuendo il quasi monopolio di molte di queste società, passando a linux e mac, usando altri programmi Voip ma, poi sarà sufficiente ?

Non credo , l’unica soluzione sarebbe una bella legge sovranazionale (che non può esistere) oppure che tutti i Governi si mettessero d’accordo per scrivere ua legge uguale per tutti che ci tuteli ma, como è possibile questo se poi i servizi li gestiscono Microsoft, IBM & C. ?

Ho tanta paura che Orwell avesse sbagliato solo la data.

Oppure no ?

[UPDATE | lettura interessante ]

[tags]google,microsoft,skype,ibm,mac,linux,orwell,robin good[/tags]

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

7 Comments

  1. Beh anche se la legge non fosse internazionale, basterebbe una legge almeno europea o italiana ad obbligare le aziende che operano nella UE o in Italia a comportarsi in un certo modo.
    Ma il vero punto è… c’è già questa attenzione? I nostri politici ancora neanche sanno cosa sia internet…
    Ciao,
    P|xeL

  2. Il problema è proprio quello :)

  3. …un altro pensiero! Caspiterina!!! :s
    Catj

  4. @Catj uno/due pensieri all’anno riesco a produrli, magari non sono eccelsi ma escono così , mi dispiace 🙂

  5. e noi comuni utilizzatori di internet cosa potremmo fare per incentivare un’iniziativa da parte delle autorità?

  6. @ GSP come diceva bene P|xeL il problema è che i nostri politici conoscono poco le dinamiche di Internet e quindi è molto difficile che possano intervenire.
    Il secondo problema è che ,per ora, sono poche le “aziende come RobinGood ,che vivono solo ed esclusivamente grazie alla pubblicità via Internet e quindi , per ovvi motivi , non rientrano negli interessi dei politici stessi.
    Altro problema è che ,personalmente, senza google è praticamente quasi impossibile trovare “cose” su internet, gli altri motori o si appoggiano a google o sono spesso incompleti.
    In breve tempo mi sono accorto ,e non solo io ovviamente, che una gran parte dei servizi che uso su web sono di google, nell’ordine :
    Gmail
    Gtalk
    google.it
    feedburner
    google reader

    Il problema che nasce è come sostituirli?
    windows l’ho in parte sostituito con mac
    explorer con firefox
    office in parte con nenoffice
    ma sostituire gmail,google.it e feedburner non è cosa semplice.

    Non vorrei essere frainteso io NON ho nulla ne contro MS ne contro Google , aziende che mi offrono servizi ottimi ma, il monopolio anche se in mano a persone virtuose NON e’ mai cosa buona e giusta.

    Spero di aver proposto qualche soluzione anche se ,non ti ho detto come incentivare un iniziativa da parte del nostro Parlamento , forse ma dico solo forse, il Ministro DI Pietro potrebbe essere un interlocutore più attento di altri visto che sul Web ci sta e ha creato alcune iniziative come il suo Blog e la sua presenza su SL.

    Personalmente non credo nell’efficacia di petizioni , mail di massa e altre iniziative analoghe.

    ciao

  7. Si in effetti anch’io avrei molte difficoltà a sostituire molti servizi offerti da Google, come appunto quelli citati da te, forse una soluzione potrebbe essere quella di incentivare delle soluzioni alternative..

    Visto che sono poche le aziende che riescono a vivere solo della pubblicità del proprio sito, io ne sono qualcosa con http://www.blunotizie.it , forse si potrebbe fare qualcosa per incentivarle, magari nel primo periodo..

    Cmq anch’io sono contrario alle petizioni 😉 trovo che portino scarsi risultati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.