Salta al contenuto

Il telecom Italia Open

Questo articolo ha oltre sei mesi di vita, quindi, mi raccomando, verifica le informazioni contenute in quanto potrebbero essere ormai obsolete.

Breve resoconte delle mie impressioni sull’open ESCLUSE considerazioni di carattere tecnico o sul gioco dei campioni.

L’organizzazione è veramente impeccabile. Il campo perfettamente preparato, e per essere il primo Open che si gioca a tolcinasco è veramente ben studiato. Sono tutti molto gentili e disponibili per esserti d’aiuto.
I volontari sono tanti e sono molto ben gestiti e coordinati.
Ovviamente ci sono anche i furbi, quelli che danno la disponibilità , ritirano maglietta e cappellino e poi si defilano per vedersi gratis l’open senza far niente ma, questo credo rientri nella normalità.
L’esperienza dei volontari poca ma, anche piccolo il numero di coloro che si sono proposti per fare i volontari. I servizi solo il primo e il secondo giorno sono circa 220 e quindi ci vogliono almeno 220 volontari.
Quindi non bisogna lamentarsi se non sempre funziona tutto alla perfezione perchè alcuni di noi hanno fatto un unico turno : Inizio /FIne che significa dalla mattina alla sera per coprire le mancanze di volontari e nonstante tutto ho personalmente sentito il responsabile european tour congratularsi per l’ottimo servizio.
Parliamo invece del pubblico. In questi 4 giorni ho quasi cambiato idea, il golf non deve aumentare la propria base meglio anzi diminuirla.

Il pubblico è stato la nota dolente della manifestazione, mancanza di rispetto nei confronti dei giocatori continuando a muoversi , parlare e fare i propri porci comodi. E se per caso provavi a farglielo notare le risposte erano, “tanto mica sta tirando in questo momento” e il tizio in questione si è messo a correre sotto il tee di partenza della 13 con un giocatore addressato. I più antipatici sono quelli che fanno finta di niente e si inventano le scuse più assurde per non camminare e cercano di attraversare il fairway mentre stanno giocando.
Poi il popolo italiano è composto per il 90 % da persone che hanno l’obbligo della reperibilità immediata, non ho mai sentito suonare così tanti telefonini come tra gli spettatori , la cosa ridicola è che , nel silenzio più totale sentivi le conversazioni così importanti che gli hanno dato il diritto e il dovere di tenere acceso il telefonino disturbando tutti , la più carina è stata, “Ti ho detto che il rost beef lo voglio molto al sangue”. Se poi gli fai notare che disturbano questi ti insultano e tu che ci puoi fare? Io più di una volta ho pensato di menare qualcuno ma poi li guardi in faccia e capisci…..
Un capitolo a parte meritano i soci di Tolcinasco.
Sapevo che c’era una netta divisione ma non pensavo così evidente.
Come volontario ho collaborato con molti soci TUTTI veramente gentili disponibili e molto rispettosi del loro campo, ci tenevano a preservarlo dalla moltitudine che si sarebbe riversata sui rough e quindi hanno cercato, con successo, di limitare al massimo gli attraversamenti assolutamente non necessari per preservare , GIUSTAMENTE , il bene più prezioso il campo. SI sono adeguati senza alcuna difficoltà alle direttive della PGA e quindi hanno fatto in modo che tutti rispettassero le regole .
Tralasciano quindi i bifolchi che trovi sempre tra la folla posso dire che i più educati e i più civili sono stati i tizi con il cartellino con scritto Socio Tolcinasco o meglio quelli che sono dell’altra categoria.
Incivili, presuntuosi , maleducati e assolutamente NON rispettosi del loro campo. Se ne fregavano altamente di tutto e di tutti e volevano passare in ogni dove fregandosene che così facendo anche gli altri avrebbero seguito e contribuito a rovinare il loro campo. Ma forse lo facevano così poi in club house avrebbero avuto da ridire sulla manutenzione del campo o sull’inciviltà dei visitatori. Credo che l’anno venturo il presidente di tolcinasco e le ECCEZZIONALI persone (socie di tolcinasco) che si sono adoperate senza sosta , senza limiti di tempo ed esclusivamente a titolo gratuito per coordinarte i volontari e coprire i servizi, spieghino alla minoranza dei soci non propriamente educati che è nel loro interesse non distruggere il campo e seguire le regole.

Un particolare ringraziamento per la disponibilità la gentilezza al coordinatore dei volontari Ivaldo Giambisi, alla Chiara , a Leo e alla Barbara della Federazione, sono stati carini e disponibili.

Consiglio a tutti l’anno venturo di partecipare in massa come volontari.

Ho una newsletter che parla di WordPress

This is the archive

Iscriviti alla mia Newsletter

Published inIl Wolly pensiero

5 Comments

  1. Ottimo post Wolly, grazie di averci trasmesso un pò di Open visto tra l’altro dalla aprte di chi si dava da fare e non osservava soltanto… purtroppo credo che non dipenda dal fatto che ci siano golfisti maleducati quando a quello che ci sono persone maleducate e questo in generale … io rimango della mia idea “golf per tutti” in ogni caso ;-)) Barbara

  2. Merlino Merlino

    Già, Wolly… grazie del resoconto, e grazie soprattutto dei tuoi sinceri commenti, che confermano appieno l’ottima impressione di te che ho avuto durante la cena… purtroppo l’educazione e il rispetto degli altri (persone, animali, cose…) è qualcosa di innato, che fa parte del patrimonio genetico e non è legato da alcun automatismo a posizione sociale, censo o studi compiuti. I comportamenti che hai descritto così bene li ritrovi putroppo ormai ovunque: persone in spiaggia che seppelliscono il pannolino, persone nei parchi nazionali che accendono fuochi o escono dai sentieri, persone in Posta che manifestano rumorosamente la propria impazienza o saltano regolarmente le code… ma quelli che tu additi sono i soci (con la minuscola), non i Soci appassionati di golf, veri sportivi… il problema è allargare il numero dei secondi, garantendosi così più amore per il nostro sport e le sue strutture, più impegno, più passione, e cercare di isolare progressivamente i primi, che tanto potrebbero benissimo stare in qualsivoglia circolo della Caccia, del Bridge, delle Freccette… purché la quota annua sia almeno a 3 zeri!

    Oooooh, adesso l’ho detta e mi sono sfogato… e per quanto riguarda i cellulari, tutta la mia solidarietà! Ma se non li spengono più nemmeno al cinema e a teatro, perché ti aspetti rispetto per dei semplici giocatori di golf?

    Complimenti per il finesettimana che hai passato… ma eri lì anche questa mattina per la conclusione?

    Ciao

    Gianluigi

  3. wolly wolly

    No stamattina non c’ero, purtroppo avevo preso un appuntamento di lavoro che non potevo più disdire. L’anno prossimo terrò disponibile anche il lunedi , non si sa mai.
    Per quanto riguarda il discorso soci, per fortuna la maggior parte erano veramente gentili e disponibili. Spero che si riesca a diminuire l’anno venturo , magari spiegando ai soci menu educati, che rispettare le regole del campo è a loro favore non a loro discapito perchè se gli rovinano il campo poi sono loro ad avere il campo brutto.

  4. grazie per le notizie Wolly… molto interessante il tuo punto di vista… “dal di dentro”…
    Il nostro sport fa dell’etichetta una componente indispensabile a cui non si puo’ rinunciare mai… dovrebbe essere un’isola felice in cui rifugiarsi rispetto al mondo che viviamo fuori fatto di maleducazione e opportunismo… purtroppo ( come è logico che sia) anche il golf viene contaminato dall’esterno , da chi lo vede come status symbol, da chi cerca di apparire… dai cafoni insomma!!!!
    Nel mio piccolo puoi star certo che ,appena il mio progetto di golf sarà terminato, farò di tutto perchè nascano nuovi giocatori di tutte le fasce sociali ma soprattutto farò in modo che siano persone corrette dentro e fuori dal campo… Questo è uno sport nobile , nel senso che deve essere giocato e seguito da gentiluomini …. ognuno di noi può fare qualcosa perchè questo continui a succedere!
    Ciao marco

  5. niky niky

    ciao,sono Niky di Croara
    anch’io c’ero e hai ragione , sono un neofita ma mi sono accorto che tutte le belle cose che mi hanno fatto appassionare al golf sono proprio quelle meno rispettate dai golfisti italiani.
    educazione rispetto epr l’ambiente, e per le altre persone ,misura calma precisione nel rispettare per primi le REGOLE – tutte parole che per alcuni per fortuna non significano niente. Ma ci siam noi e glielo faremo capire , anche se loro giocano da trentanni.
    non vi avevo letto prima , e oer questo sono arrivato tardi comunque spero di poterVi salutare Martedi 18 sul campo o dopo alla 19^ buca.SE VEDETE UNO SCARSO SONO IO fatevi riconoscere cosi potrò invitarVi al 1° GRAN PREMIO Provincia di PC ciao a tutti NIKY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: