help me write my essay

Ciao Marco, ci rivedremo.

marco zamperiniQuesto è uno dei post che non avrei mai voluto scrivere, un post di merda.

Marco era veramente un caro amico, ci conoscevamo da molti anni.

Un uomo molto divertente, simpatico e affettuoso.

Abbiamo legato subito, forse i caratteri simili, l’età, i comuni interessi.

La sua è una famiglia bellissima, amava sua moglie Paola le sue bimbe Blanca e Rebecca, era fiero delle sue donne.

Funkyprofessor e wolly

Ti voglio ricordare così, Marco.

Parlavamo tanto, e uno di quelli che più mi ha convinto a dimagrire e riprendermi cura di me stesso è stato proprio lui.

Con il suo modo di fare allegro mi raccontava continuamente del suo infarto, di come aveva sofferto e di come fosse obbligatorio dimagrire per ridurre i rischi, per non morire e non lasciare nessuno.

Ha sempre avuto parole bellissime, dolci e rassicuranti, mai una parola fuori posto.

Mi mancheranno i tuo abbracci, il tuo “fratello” e mi mancherai tu.

Ti voglio bene, fratello.

PS: Grazie Marco, per tutto quello che mi hai saputo donare.

Tags: , ,
Posted in Il Wolly pensiero | Tagged , , | 2 Comments

Dimagrire è bello

Chi mi segue da un po’ di tempo sui social sa che da luglio ho cominciato una seria riorganizzazione della mia vita e un posto importante in questa cambiamento radicale lo ha preso la scelta, forte e consapevole, che la mia obesità è una malattia.

INDILAONDEPERCUI ho deciso di dimagrire.

Da luglio ho perso circa 25kg, il mio traguardo sono i -80kg in due anni.

Le conseguenze sulla mia salute sono state quasi immediate, non bevo più 4/5 litri di acqua al giorno e non ho più la gola arsa tutto il giorno (il diabete incombe), mi dicono che ho smesso di russare come una motosega, la notte non mi sveglio più 5 o 6 volte e mi sento molto meglio fisicamente.

Ho anche ricominciato a piacermi, non mi vedo più come il mostro che ero e, ovviamente direbbe #MonsieurdeLaPalice, piacendomi piaccio anche agli altri.

La dieta è molto semplice, mangio di tutto ma, in porzioni ridotte, ho eliminato formaggi e salame e ho aggiunto alla mia dieta la verdura.

Vi assicuro che, per ora, viene tutto facile, non ho attacchi di fame chimica e neppure visioni mistiche di lasagne al forno, credo che in tutto questo c’entri la testa e l’aver compreso i benefici per la mia salute.

Però non è tutto oro quello che luccica.

Il guardaroba.

Il guardaroba è diventato un problema, le cose degli anni scorsi sono diventate larghissime e gli altri guardaroba ( si ho diversi guardaroba, mica sono sempre stato così grasso) ancora non “fittano” come dovrebbero.

Comprare ora vestiti della taglia giusta sarebbe solo uno spreco di denaro visto i miei obiettivi a breve, medio e lungo termine.

Tutto questo per dirvi che se mi vedete con abiti troppo larghi è perché non voglio buttare via soldi, in attesa di rientrare nelle vecchie taglie.

UPDATE:

Michela mi comunica che oggi è l’obesity day.

Tags: , , , , , , ,
Posted in Il Wolly pensiero | Tagged , , , , , , , | 8 Comments

Il mio primo Tattoo

wolly tattoo

Braccio sinistro

Avevo 16 anni quando ho cominciato a desiderare di farmi un tattoo, ho passato un sacco di tempo a sfogliare riviste e cataloghi di tattoo ma, i miei genitori non volevano.

Poi, quando avevo l’età giusta per decidere, non l’ho fatto però il desiderio mi è sempre rimasto dentro.

Per anni e anni ho pensato a cosa tatuarmi, niente nomi di fidanzate, mogli o altro, niente rose, farfalle, teschi (qui però ci devo pensare :-) ), cose forti, delfini, stelline o altro.

Doveva essere qualcosa di mio, qualcosa da portarsi fino alla tomba.

Niente maori, niente giappi che non fanno parte della mia cultura e della mia tradizione.

Doveva essere qualcosa di semplice, corto, qualcosa che mi rappresentasse al meglio.

Alla fine ho scelto la cosa più ovvia e semplice, mi tatuo il mio nickname: Wolly.

Deciso questo, qualche mese fa’, ho lasciato decantare il tutto, cercando i font, facendo prove fino a che l’altra sera, ho cominciato a visionare centinaia di font soprattuto gotici.

Il gotico è molto bello ma, ha un piccolo difetto, in molti casi sembra scrittura nazista e io odio i nazisti dell’illinois e i nazisti in generale e poi doveva essere un po’ arrotondato, non volevo una cosa troppo dritta.

Alla fine il font, quasi giusto, l’ho trovato: weiss gotnitials, tolto il trattino sulla L che la trasformava in C è diventato perfetto.

Dal ’91 frequento il mondo Harley Davidson e il mondo dei tattoo è molto simile a quell’ambiente, almeno come era i primi anni, e mi sono trovato subito a casa.

Appena entrato sono stato accolto da amici, anche se non li avevo mai visti, simpatici e divertenti.

Per i single, era pieno di gnocca, c’erano un sacco di belle ragazze che entravano e tutte molto simpatiche, appena sentivano che era il mio primo tattoo si prodigavano in consigli, volevano sapere i perché e il percome e chiacchieravano con piacere, quindi se siete single, frequentate i locali dei tatuatori, potreste trovare l’anima gemella :)

Per ultimo, il tattoo l’ho fatto da Dak Tattoo che ha un sito allucinantemente brutto in flash ma, sono proprio bravi, autorizzazione ASL, tutto sterilizzato e mono uso, cosa importantissima.

Tags: , , , , ,
Posted in Il Wolly pensiero | Tagged , , , , , | 3 Comments

La mia BlogFest – Rimini 2013

blogfestPuntuale come l’influenza d’inverno ecco il mio post, post BlogFest.

Comincio, as usual, con i ringraziamenti a Gianluca Neri, Ilaria Mazzarotta e a tutte le persone coinvolte nell’organizzazione. Organizzare un evento del genere non è una passeggiata e loro lo fanno da anni (forse 10) in modo egregio.

Cominciamo con qualche notazione negativa, così non mi accusano più di piaggeria.

riminiEra il primo anno che si organizzava a Rimini, ci sono stati alcuni disservizi nelle location degli eventi, la nostra addirittura non era stata preparata perché erano convinti si tenesse il giorno dopo, nulla comunque che l’anno prossimo non potrà essere messo a posto, si azaeltratta di rodaggio.

Fatti contenti i detrattori ora passiamo alle cose belle, il 99%.

Io amo Riva del Garda, le BlogFest a Riva mi sono piaciute tutte, Riva è un posto fiabesco, piccino, raccolto e nei tre giorni incontravi tutti ma, proprio tutti sembrava un salotto dove stavi per tre giorni con gli amici che vedi poco.

Rimini però è meglio, molto meglio.

Il tempo, fantastico, temperatura mite, sole, mare, si stava divinamente e poi questi 3 giorni si mare sono stati gli unici che ho fatto quest’anno.

Finalmente l’affiatato duo Gianluca e Ilaria sono riusciti a organizzare la BlogFest che volevano con tantissimi eventi divisi in varie tematiche grazie all’accoglienza di Rimini e alle sue strutture.

Purtroppo a causa delle dimensioni di Rimini non mi è stato possibile incontrare tutti gli amici già conosciuti ma, ho comunque incontrato quasi tutti e ho conosciuto un sacco di gente.

Questo weekend è stato il primo che ho passato sempre fuori da quando ho cominciato la dieta e ero un po’ preoccupato ma, è stato un successone, nonostante quello che ho mangiato ho perso 1,2 kg! KUDOS wolly!

Questo quello che ho mangiato, che alcune amiche e amici si preoccupano che mangi troppo poco (grazie che vi preoccupate per me):

  • venerdì a mezzogiorno ho mangiato una piada squacquerone e prosciutto crudo
  • venerdì sera una insalata nizzarda bella ricca
  • sabato a mezzogiorno una bella insalatona mista con pollo, mandorle carote e cetrioli
  • sabato sera frittura di pesce
  • sabato notte 3 negroni
  • domenica a mezzogiorno grigliata mista di carne

Come potete vedere non mi sono fatto mancare nulla.

Il negroni:

  • 3 cl di gin
  • 3 cl di bitter Campari
  • 3 cl di vermut rosso dolce
  • Mezza fettina d’arancia

erano anni che non ne bevevo uno, e sabato notte me ne sono bevuti 3 e è ancora BUONERRIMO!

Tutti pensano che alla BlogFest si parli solo di lavoro tecnologia, web e invece abbiamo passato tutto il tempo a parlare di Star Trek e, ovviamente, di gatti.

I gatti sono l’argomento principe, tutti ne avevamo e parlarne è sempre divertente, è ancora più divertente vedere la trasformazione di chi non voleva gatti e poi ne ha presi 2. Ho trovato una gattina nera bellissima, volevo portarmela a casa ma, è veramente selvaggia e non avevo il trasportino con me, però è stato molto bello giocarci insieme anche se non si lascia avvicinare facilmente, magari con il tempo riuscirò a farla fidare di me, adoro i gatti.

Non posso non ricordare l’appuntamento con Azael e la sua messa laida, come sempre divertentissima.

Quest’anno partire è stato particolarmente triste, avrei voluto che continuasse ma, l’anno prossimo ci sarà ancora.

La campagna #adottaunwolly ha mietuto nuove vittime del faccino tira adozioni del wolly:

bastet

#adottaunwolly Bastet

andrea delogu

#adottaunwolly Andrea Delogu

beggi

#adottaunwolly Andrea beggi

sartoni

#adottaunwolly Luca Sartoni

molengai

#adottaunwolly Molengai

bobdraco

#adottaunwolly Bob draco

the end

Tags: , , , , , ,
Posted in Il Wolly pensiero | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Aggiornamenti del Wolly

Carissimi miei due lettori che ancora resistete a seguire e leggere questo blog in agonia, non credo morirà mai, mi sembra giusto postare alcuni aggiornamenti del wolly.

Anche quest’anno niente vacanze estive, il lavoro prima di tutto, finché c’è.

Nuovi progetti, alcuni vecchi abbandonati.

Stranamente mi sento rivivere, sarà la primavera ritardata?

Di base c’è tanta gioia di vivere.

I grandi proponimenti:

Finalmente ho deciso che è ora di dimagrire se non voglio morire d’infarto e quindi per ora sono a -20kg, ne mancano 60 al traguardo vero, la prima tappa è raggiunta.

Voglio la pace nel mondo!

Vivere alla giornata come se non ci fosse un domani e come se oggi fosse l’ultimo giorno.

Essere più buono.

Per quello sopra, scherzavo! (BAZINGA!)

Vi ricordo perché Wolly.

Vi ricordo che potete scoprire qual è il vostro nome Jedy.

Potete anche scoprire il vostro nome da ninja!

Visto quante cose che ci sono qui sopra?

Last but not least:

#adottaunWOLLY tu non sai il perché ma, ti fa bene esattamente come la mela al giorno toglie il medico di torno.

Ci sarebbe anche un’altra cosa ma, c’è un NDA de facto che non mi permette di dirvelo, però sarebbe una bellissima cosa, in potenza! (chi ha orecchie per intendere, intenda)

E ora a voi la palla!

Tags: , , , , , ,
Posted in Il Wolly pensiero | Tagged , , , , , , | 3 Comments

10 anni?

Questo blog, tra i vari cambi di dominio, ha circa 10 anni.

Perché circa?

Perché tutto il 2003 è andato perduto, tranne un post.

Sono andato a scorrere negli archivi e mi sono accorto che tra i vari traslochi qualcosa si è perso ma, non è problema.

Ho visto come una volta scrivessi molto ma molto di più e di come orami negli ultimi anni la frequenza dei post sia drammaticamente diminuita ma, non per questo ho intenzione di chiuderlo.

Grazie di cuore a tutti coloro che mi leggono, a tutti coloro che hanno partecipato alla vita di questo blog che poi in parte è anche la mia vita.

Tags: , , ,
Posted in News sul Blog | Tagged , , , | Leave a comment

Stop ai libri digitali a scuola – Repubblica.it – La tecnologia fa male ai bimbi

«L’accelerazione sui libri digitali non poggiava su alcuna seria e documentata validazione di carattere pedagogico e culturale, così come non sono state valutate le possibili ricadute sulla salute di bambini e adolescenti esposti a un uso massiccio di apparecchiature tecnologiche».

l’Ocse, l’organizzazione che raggruppa i paesi industrializzati, ha bocciato la lenta progressione della scuola digitale italiana ricordando che in Inghilterra l’80 per cento delle classi è attrezzata per il digitale.

via Stop ai libri digitali a scuola – Repubblica.it.

Agitare lo spettro che la tecnologia faccia male ai bambini per poter mantenere un oligopolio vecchio e redditizio è molto efficace.

 

Tags: , , , ,
Posted in Attualità, costume e società | Tagged , , , , | Leave a comment

L’ordine mondiale deve essere ripristinato

DISCLAIMER: questo è un post ad alto tasso di complottismo, fantapolitica, pensieri sconnessi, quindi leggete a vostro rischio e pericolo, il che non significa che non sia tutto vero.

Il mondo è sempre stato governato da pochi ricchi e potenti che facevano il bello e il brutto tempo, avevani le schiave e gli schiavi e elargivano al popolo la loro carità.

Si occupavano pure del divertimento del popolo, pensate ai giochi romani.

Tutto questo è cambiato con l’era industriale dove una moltitudine di pezzenti ha cominciato a crearsi le proprie attività, diventando ricchi e in alcuni casi potenti.

All’inizio erano pochi poi sempre di più.

I piccoli commercianti hanno cominciato a guadagnare, sono aumentati quelli che hanno potuto studiare e addirittura laurearsi e alla fine anche le donne hanno potuto votare e studiare.

Tutto questo ha portato ad una situazione non dico completamente democratica ma, senza dubbio più difficile da gestire.

Tante persone che non dipendono dalla benevolenza dei ricchi padroni, persone che studiano e che, incredibile, riescono ad avere pensieri diversi da quelli concessi dai ricchi e potenti.

Tutto questo è diventato davvero fastidioso e ingestibile.

In una sera d’inverno i potenti del mondo si sono incontrati in una località segretissima, probabilmente pozzuolo martesana e li hanno deciso che bisognava tornare all’antica.

Ogni stato ha seguito la sua strada e l’Italia ha deciso la strada più dura, tartassiamo di tasse i piccoli e li distruggiamo così ci saranno tonnellate di poveri a cui elargire la nostra benevolenza.

Una parte importante del paese è già suddito dello stato dato l’alto numero di dipendenti pubblici.

Tutto questo però non bastava, la resistenza era ancora troppo forte e allora, con l’aiuto delle torri gemelle e della merkel, hanno creato la più grande crisi mai esistita al mondo e hanno fatto di tutto per accentuarla il più possibile, più poveri più potere.

Il governo Monti in Italia ha seguito gli ordini al meglio e ora si aspetta il crollo totale degli ultimi partigiani, i piccoli commercianti, i piccoli impreditori, i piccoli professionisti.

Il potere e la ricchezza devono tornare nelle mani di pochi, gli stessi che da millenni si spartiscono il potere con qualche apertura a nuovi potenti.

Il conflitto in essere è di portata globale e l’extrema ratio è sempre la stessa, la guerra termo nucleare globale che, a differenza di quello che pensa Joshua, non è vero che l’unica mossa vincente è non partecipare.

Il nuovo ordine mondiale sta per tornare e noi saremo felici quando ci daranno le brioche.

Tags: , , , , , , , , , , ,
Posted in Attualità, costume e società | Tagged , , , , , , , , , , , | 1 Comment

Star trek into darkness – la mia recensione

star_trek_into_darkness_poster_enterpriseChi segue il mio blog è al corrente del fatto che io sia un trekker della prima ora, causa la mia non più giovine età!

Questa recensione è pinea di spoiler quindi se non avete ancora visto il film, evitate di leggerla.

Vi anticipo subito che il mio giudizio finale sul film è appena sufficiente e che non mi ha particolarmente impressionato anzi mi ha quasi deluso.

Se non avete mai visto e seguito Star Trek potrebbe piacervi, ho letto molte recensioni entusiaste in rete.

Il film è fatto bene, ottimi effetti speciali, tensione alle stelle ma, mi ha rovinato 40 anni di Star Trek.

Cominciamo dalle basi, Khan Noonien Singh è un re barbaro, con un fisico da Conan, un’intelligenza da Q e una forza da Jedi, qui in questo film è un belloccio da discoteca!

James T. Kirk muore come è morto Spock, solo che SPock rinasceva grazie al progetto genesi e grazie alla fusione vulcaniana, qui James T. Kirk viene riportato in vita grazie al sangue di Khan, manco fosse un vampiro.

Mi fanno morire Pyke, così niente più Zoo di Thalos, alcune delle più belle puntate di TOS.

Kirk mi sembra un bambino scemo, sempre dietro alle sottane, Spock sempre meno vulcaniano.

Capisco che JJ ha voluto strizzare l’occhiolino ai trekker anziani ma, secondo me, era meglio se non avesse ritirato fuori i vecchi nemici per ridicolizzarli, un po’ come hanno fatto con nonna papera (Capitano Kathryn Janeway di Voyager) e i borg.

A voi è piaciuto?

Tags: , , , , , , ,
Posted in Film & Telefilm | Tagged , , , , , , , | 2 Comments

Catepol 3.0 – I ragazzi non imparano da chi a loro non piace…

Una collega mi disse un giorno: “Non mi pagano per farmi piacere i ragazzi. Mi pagano per impartire una lezione. I ragazzi dovrebbero impararla. Io dovrei impartirla. Loro dovrebbero impararla. Caso chiuso.”

Beh, le dissi: “Sai, i ragazzi non imparano da gente che a loro non piace.”

Allora mi disse: “Queste sono un sacco di stupidaggini.”

E io le dissi: “Beh, il tuo anno sarà lungo e difficile, tesoro.”

È inutile dire che fu cosi.

via Catepol 3.0 – I ragazzi non imparano da chi a loro non piace….

Tags: ,
Posted in Attualità, costume e società | Tagged , | Leave a comment