help me write my essay

La mia nuova startup – AAA finanziatori cercasi

Finalmente posso annunciare Urbis et orbis il mio nuovo, fenomenale, progetto dato che sono uscito ora dall’ufficio brevetti con in tasca la registrazione UORDUAID.

Dato che sono un uomo generoso ho deciso di dare la possibilità a molti di diventare ricchi da fare schifo.

La startup si occupa di produrre e vendere un oggetto fondamentale che risolve un problema attualissimo.

Come tutti voi ben sapete in AMERIKA è partita un campagna di vaccinazione cippatura (inserimento di chip sottocutanei per il controllo delle persone) e presto, a nostra insaputa, verrà estesa al territorio italiano anche se in realtà c’è chi sostiene che sia già in atto.

La mia fantasmagorica invenzione permette di localizzare il CIP e di neutralizzarlo e permette di scoprire se le persone con le quali stiamo siano portatori sani di CIP o in termine tecnico siano dei CIPPATI.

L’oggeto andrà sul mercato con un prezzo di euro 250 + IVA, il costo di produzione in cina è di 1,18 € più le spese di spedizione.

Il mercato nel bel paese è molto interessante, ha uno zoccolo duro di circa 8,7 milioni di acquirenti e con una bella campagna pubblicitaria e qualche video virale può ancora migliorare.

Dopo aver saturato il mercato italiano ci dedicheremo anche ai mercati stranieri.

Ricapitolando:

8,7 milioni di clienti

circa 11 milioni (arrotondato in su) di costi di produzione

2.175 milioni di incassi solo con la prima infornata

potete tranquillamente calcolarvi da soli l’utile.

Orbene, vado ad aprire la SPA che si occuperà di tutto, la stessa avrà sede a Londra per ottimizzare i benefici fiscali e sarà successivamente quotata al NYSE.

Il capitale sociale sarà di 100 milioni di neuri, ogni azione avrà un valore nominale di euro 1.000.

Chi vuole investire mi mandi richiesta ufficiale e io manderò in risposta il mio IBAN.

E’ importante l’impegno di tutti nel diffondere questa iniziativa, non siate egoisti date anche ai vostri amici la possibilità di diventare ricchi!

Tags: , , , , ,
Posted in Attualità, costume e società, Tecnologia | Tagged , , , , , | 5 Comments

Di startupper & C.

Disclaimer: quello che segue è solamente il racconto della mia esperienza, non ha nulla di generalizzabile, non ha valenza statistica, sono solamente mie considerazioni basate sulla mia ristretta (in termine di numeri) esperienza.

Negli ultimi anni ho avuto a che fare con circa una quarantina di startupper, vi racconto subito la fine così, se preferite, vi evitate di leggere il resto; nessuna startup di questi startupper ha mai visto la luce.

Dopo avervi spoilerato la fine della storia ora ve la racconto, almeno sapete già che questa volta non è stato il maggiordomo.

Nella mia, scomoda, posizione ricevo spesso richieste da parte degli startupper e TUTTE le volte mi rendo disponibile per ascoltare le loro proposte.

Il canovaccio della conversazione è identico al 100% e come avrebbe detto mia nonna – “sembrano fatti con lo stampino” –

S = startupper

W = wolly

S – Ciao, sono pinco pallino, ho messo in piedi un progetto fantastico che fa – cosa simile ad altro già esistente – ma noi lo facciamo molto meglio, abbiamo per 10 modelli di business diversi rispetto a loro che ne hanno uno solo.

W – Ottimo posso vedere come funziona il servizio?

S -No, non è online, poi ti spiego.

W -Raccontami l’idea cosi’ posso capire.

S -Blablablablabla.

W -Scusa non ho capito nulla.

S -Non posso andare nei dettagli, sai ho già presentato questa idea a (numero a caso) di investitori, ma quelli non capiscono niente , non capiscono che questo è il nuovo (nome di sito famoso a caso) e che varrà milioni di dollari in brevissimo tempo.

W -Bene e dato che non posso vedere il servizio, dato che non posso sapere cosa fa, perché mi hai contatto?

S -La nostra idea, (c’è sempre dietro un gruppo numeroso di cervelli pensatori) è che tu ci realizzi tutto, ma non gratis che mica siamo i soliti che se ne approfittano.

W -Bene, mi fa piacere, però per farvi un preventivo devo sapere quello che dovrei fare e dovrei vedere quello che è già fatto, per me firmare un NDA non è un problema.

S -No aspetta, non mi sono spiegato bene, non vogliamo un preventino, ti offriamo un’opportunità molto più interessante.

A questo punto escono due tipi di opportunità, diciamo che la prima me l’hanno proposta il 60% delle volte e la seconda, pure. (lo so, precisetti che non siete altro, lo so che 60+60 fa 120%, ma qui oggi pettiniamo le bambole)

Proposta 1: tu fai il lavoro, lo metti a posto, apporti le correzioni che chiederemo, paghi l’hosting e poi quando cominceremo a guadagnare o venderemo la startup di daremo qualcosa.

Proposta 2: tu fai il lavoro, lo metti a posto, apporti le correzioni che chiederemo, paghi l’hosting e poi noi ti diamo l’1% delle quote della società se la apriremo.

W -Bene ora spiegami, per favore, voi cosa ci mettete, io ci metto circa 30/80k di lavoro (dipende dai progetti proposti).

W -Quanto avete già investito?

W -Qual è il business plan?

W -Quando si pensa di guadagnare?

Etc.etc.

Al 100% la risposta è sempre stata unica, non abbiamo investito niente, non abbiamo realizzato niente, non abbiamo un business plan perché non serve a niente e perché su internet si guadagna con la pubblicità e con quello che pagheranno gli utenti per utilizzare il servizio, capito?

S -Noi ci mettiamo l’idea che senza di quella non si fa nulla.

W -Spiegami meglio, per favore, e dimmi se ho capito bene; io ci metto il lavoro, i soldi, l’hosting, voi non mettete niente, se va bene voi guadagnate e io prendo le briciole se va male voi non perdete niente e io perdo tutto, per voi mettete l’idea.

S -Si certo, mica vorrai che se va male ci smeniamo dei soldi, se va male amen.

W -Ti ringrazio tantissimo per la fantastica opportunità che mi hai concesso, ma purtroppo in questi giorni ho judo e quindi non posso seguirvi.

Concludo con delle profondissime riflessioni:

Le idee non hanno alcun valore se non le realizzi e non puoi star li ad aspettare il cretino di turno che prende le tue idee, le realizza a sue spese per poi far guadagnare te che non hai fatto nulla e che non credi per primo nella tua idea, perché se ci credessi venderesti la macchina, la moto il motorino e non faresti proposte così cretine a nessuno!

Tags: , , ,
Posted in Attualità, costume e società | Tagged , , , | 9 Comments

Wolly e Star Wars

obiwanDisclaimer: il Wolly è cresciuto a pane e Star Wars, è cresciuto sognando di diventare un cavaliere Jedi quindi non fraintendete quello che scriverò ora.

In questi giorni, complice Sky che ha trasmesso per una settimana a ciclo continuo l’intera saga, si sprecano classifiche e considerazioni sui film, qui non c’è alcuna classifica.

Io i 6 film li conosco a memoria, sia quelli di Star Wars (IV-V-VI) sia quelli di Star Babies (I-II-III).

Non concederò mai e poi mai il mio perdono a chi ha adattato nell’italico idioma “Guerra dei quoti“, a tutt’oggi non riesco a capire cosa diavolo significa guerra dei quoti.

Avendo, COFF COFF, acquistato la serie in FULL-HD (mkv) ho potuto rivederla miliardi di volte.

Nel film Star Wars – A new Hope, skippo velocemente quasi tutta la parte sulla morte nera, le pattumiere e mi noio moltissimo a vedere tutte le parti nuove aggiunte quando si arriva a Mos Eisley.

Nel film Star Wars – The Empire Strikes Back, skippo velocemente gran parte dell’addestramento di Luke e gran parte della città nelle nuvole.

Nel film Star Wars – Return of the Jedi, skippo praticamente tutta la parte con gli ewoks e gran parte delle scene nella fortezza di Jabba.

Nei tre film di Star Babies, skippo praticamente tutto eccetto:

La corsa degli sgusci, la strage dei sabbipodi (altra traduzione infelice),la scena dai clonatori,il combattimento nell’arena la strage nel tempio Jedi e il combattimento finale tra Obi Wan e Darth Vader (ex Anakin).

Detto tutto questo io non potrei vivere senza Star Wars :)

Ricordatevi che potete anche scoprire qual è il vostro nome Jedi facendo clic su questo link.

Grazie a tutti per la vostra attenzione e, ovviamente, che la forza sia con voi!

Tags: , , ,
Posted in Film & Telefilm | Tagged , , , | Leave a comment

Le previsioni del Wolly per il 2014

Dodo

Dodo

Pochi di voi sanno che il Wolly è anche un potente mago oltre ad essere un potente cacciatore di draghi e quindi, oggi, vi faccio l’onore di condividere con voi, popolo di miscredenti, le mie previsioni per il 2014 che non sono tanto previsioni quanto certezze assolute.

1) Il mondo non finirà quest’anno, forse il prossimo, ma aspettiamo le previsioni del Wolly per il 2015

2) Le tasse in Italia faranno più morti degli incidenti stradali

3) Il popolo italiano NON farà la rivoluzione e la #Kasta continuerà a governare

4) Berlusconi NON sarà di nuovo presidente del consiglio

5) Il Milan NON vincerà lo scudetto

6) Il traduttore universale NON verrà inventato

7) I replicatori di cibo NON verranno inventati

8) Il teletrasporto NON sarà realizzato

9) Non ci sarà la pace nel mondo

10) La ripresa ci sarà nel 2015 (poi vedremo nelle previsioni per il 2015 che sarà nel 2016 and so on)

Si lo so, sono un po’ PAZO E SOLARE e voglio la pace nel mondo, ma neanche per il 2014 ci sarà!

Buon anno a tutti e dopo aver letto le mie previsioni non buttatevi sotto la metro o sotto un treno che poi i pendolari si incazzano.

Grazie per la vostra attenzione e se avete bisogno di previsioni personalizzate chiedete pure, forse vi risponderò

Tags: , , , ,
Posted in Attualità, costume e società | Tagged , , , , | Leave a comment

La #webtax è il fallimento dell’Europa

L’Europa è nata male e continua a non voler progredire.

Ogni stato rimane sovrano e pensa solo ed esclusivamente al proprio orticello.

Non esiste una politica IVA comune, non esiste una politica impositoria comune, ogni stato fa i suoi comodi.

Esistono stai in Europa dove le tasse praticamente non si pagano e naturalmente le multinazionali, giustamente, ne approfittano e poi nascono gli obbrobri come la webtax italiana, parto di menti (aggiungete voi aggettivi a piacere).

Fino a che l’Europa non esisterà veramente e fino a che ne faranno parte stati come l’Irlanda il problema continuerà ad esistere, l’Europa farà casino per l’assurdo provvedimento italico e ne partorirà uno suo assolutamente inutile.

Invece di prendercela con gli incompetenti che hanno scritto la webtax dobbiamo prendercela con gli incompetenti che continuano a governare TUTTI i singoli stati che fanno parte dell’Europa, i veri responsabili dello schifo a cui assistiamo.

Fino a che non esisterà un’Europa vera, unita continueranno ad esistere tutti questi problemi inclusi i default dei vari paesi.

Forse l’unica vera speranza è che la Svizzera invada tutta l’Europa e la conquisti.

Tags: , , , , , , , , ,
Posted in Il Wolly pensiero | Tagged , , , , , , , , , | 2 Comments

The WOLLYing Dead – Day 1 – #freewolly

Il mondo sta cambiando, la zona si sta riempendo di zombie, io sono stato scippato del portafoglio, due signore della borsetta, una ragazza dell’iPhone poi i ladri in casa mia, 2 volte (senza riuscire a rubare nulla) è chiaro che il virus si sta diffondendo ma, le autorità latitano, nessuno si è fatto vedere nonostante le chiamate.

Ho deciso che il luogo più sicuro, per ora, è la prigione.

Ieri notte ho provveduto a sigillare tutte le finestre, chiudendo le tapparelle di ferro motorizzate, ho chiuso la porta blindata e messo il chiavistello non prima di essere andato a controllare che il portone principale fosse ben chiuso e sigillato.

Ho preparato anche delle candele che se tutti zonmbinano bisognerà essere pronti alla mancanza di corrente.

Stamane sveglia alle 7 e 08, era tutto buio in prigione, in effetti avere tutte le tapparelle abbassate non agevola l’ingresso della luce.

A tentoni accendo una luce e alzo leggermente la tapparella per vedere se ci sono zombie nel cortile, per fortuna non se ne vede traccia.

Faccio le mie solite cose, mi doccio, mi lavo i denti, do i croccantini ai mici da guardia, alzo 2 tapparelle in soggiorno guardo fuori e neanche davanti ci sono zombie.

Mi vesto, riabbasso la tapparella in camera ed esco per fare un sopralluogo.

Durante il sopralluogo mi accorgo che fuori c’è ancora vita e allora entro nel bar, mi faccio un cappuccino e parlo con la barista che sembra essere un’umana.

Faccio rifornimento di generi di prima necessità, le sigarette, e mi riavvio circospetto verso la prigione.

Mi fermo a controllare con attenzione la recinzione che ieri pomeriggio uno zombie ha scavalcato e trovo dei punti deboli, quindi rientro in prigione e abbasso anche le tapparelle che avevo lasciato alzate.

Bisogna abituarsi al buio e a non vedere fuori, la vita in prigione sarà dura, almeno agli inizi.

 

Tags: , ,
Posted in Attualità, costume e società | Tagged , , | 1 Comment

#freewolly ovvero l’eterna lotta del Wolly contro il male

wolly aspetta i ladri

wolly aspetta i ladri

Orbene, l’altro ieri avevo un freddo porco in casa e ho cominciato a cercare il perché e ho scoperto chela finestrella del cesso era stata sfondata con un piede di porco, probabilmente stavo rientrando in casa proprio in quel momento e i ladri sono scappati.

Abbiamo informato i vicini dato che i ladri sono passati dal loro cortile e oggi, circa mezz’ora fa’, i vicini, mi hanno citofonato per dirmi che un giovine con giacca blu aveva scavalcato la recinzione anteriore per vedere dentro la finestra e poi si è dato alla fuga.

Ho chiamato la polizia e forse manderanno un auto a vedere.

Nel frattempo io comincio a prepararmi alla lotta, quindi se leggerete di ladri d’appartamento seccati e di un povero cristo in galera sappiate che sono io.

Dovrete fare 2 cose:

1) voi food blogger mi preparate la classica torta con dentro la lima

2) tutti voi dovete cominciare una campagna virale per difendere il diritto all’autodifesa di una vittima, il Wolly nel caso specifico e l’hashtag sarà #freewolly

Grazie a tutti per la collaborazione.

Tags: , , ,
Posted in Attualità, costume e società | Tagged , , , | Leave a comment

Caro Babbo Natale ecco la mia letterina, cattiva.

Caro Babbo Natale,

per favore, NON portare la pace nel mondo, non portare la salute, non portare i doni ai buoni, mi sono rotto di tutto questo politically correct.

Per favore porta una bella infezione di massa dove tutti diventano zombie, fai in modo che l’umanità arrivi quasi verso l’estinzione.

A me invece portami una bella dose di vaccini che ci penso io a distribuirli a chi voglio, poi un bell’arsenale ben rifornito che sto guardando The Walking Dead e anche tante provviste non deperibili e poi un luogo facilmente difendibile con tanta acqua.

Caro Babbo Natale, non preoccuparti, saprò scegliere bene.

Grazie in anticipo

sempre tuo

Wolly

Tags: , , , , ,
Posted in Il Wolly pensiero | Tagged , , , , , | Leave a comment

Come cucinare una costata o una fiorentina alta 3 dita in casa

costata

Una bella costata alta 3 dita

Capita di andare dal macellaio e di comprare una o più bellissime costate alte 3 dita, tipo quelle di Tex Willer e Kit Carson.

Purtroppo in casa non hai il forno a legna e nemmeno una di quelle bellissime griglie da BBQ e quindi la cucini in padella e ti esce una schifezza o completamente bruciata e dura oppure bruciate e dentro completamente cruda e fredda e quindi ti passa la voglia di ricomprarla.

Orbene ecco che ti insegno come la cucino io e ti assicuro che i risultati sono assicurati!

Come sempre (che poi il Luca Sartoni mi cazzia), ci laviamo le manine per benino poi indossiamo una cuffietta o un cappello da cuoco (se non siete ovviamente calvi) non per fare i fighi ma per evitare che i vostri capelli zozzi finiscano nel piatto e non c’è cosa più schifosa di trovare dei capelli nel piatto in cui si mangia.

Avrete bisogno di una bella padella e di un forno.

Accendete il forno e lo preriscaldare a 100°.

Mettete la padella sul fuoco vivo e forte e quando essa (la padella) è bella calda ci sbattete dentro la vostra mega costata e aspettate che la reazione di Maillard faccia il suo corso su entrambi i lati della bistecca, per dettagli seguete il link che vi ho messo prima.

Non vi suggerisco condimenti o altro, quella è una vostra scelta basata sui vostri gusti.

Quando la reazione di Maillard è completa su tutti e due i lati prendete della carta da forno e metteteci sopra il vostro bel pezzo di carne e inforante.

Ora in base al numero di pezzi di carne, alla loro altezza attendete che si cuocia bene anche l’interno.

Tanto per darvi alcuni parametri, la costata che vedete nella foto è stata infornata a 100° per 15 minuti ed è uscita con la carne calda anche al centro e bella rosa, io non amo la carne ben cotta.

Naturalmente vale anche per la bistecca alla fiorentina anche se io preferisco mangiarla nei ristoranti giusti.

PS: per cucinare, come nella vita, è meglio se c’è Costanza, i risultati saranno migliori.

Tags: , , , , , , , ,
Posted in Le Ricette di Wolly | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

Ciao Marco, ci rivedremo.

marco zamperiniQuesto è uno dei post che non avrei mai voluto scrivere, un post di merda.

Marco era veramente un caro amico, ci conoscevamo da molti anni.

Un uomo molto divertente, simpatico e affettuoso.

Abbiamo legato subito, forse i caratteri simili, l’età, i comuni interessi.

La sua è una famiglia bellissima, amava sua moglie Paola le sue bimbe Blanca e Rebecca, era fiero delle sue donne.

Funkyprofessor e wolly

Ti voglio ricordare così, Marco.

Parlavamo tanto, e uno di quelli che più mi ha convinto a dimagrire e riprendermi cura di me stesso è stato proprio lui.

Con il suo modo di fare allegro mi raccontava continuamente del suo infarto, di come aveva sofferto e di come fosse obbligatorio dimagrire per ridurre i rischi, per non morire e non lasciare nessuno.

Ha sempre avuto parole bellissime, dolci e rassicuranti, mai una parola fuori posto.

Mi mancheranno i tuo abbracci, il tuo “fratello” e mi mancherai tu.

Ti voglio bene, fratello.

PS: Grazie Marco, per tutto quello che mi hai saputo donare.

Tags: , ,
Posted in Il Wolly pensiero | Tagged , , | 2 Comments